Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 1.djvu/32

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


IL DUBBIO


Mi, co' te vedo, sento
     Un certo no so che,
     E digo che nol sento;
     4E digo che nol gh'è.
Mi, se me inchiava i denti
     Quando te voi parlar,
     E digo, i xe acidenti;
     8Digo che l'è 'l mio far
Me cocola una bela,
     E invece penso a ti,
     E digo che xe quela
     12Un'incostanza in mi.
No visitarte zuro,
     E so' ogni sera qua,
     E credo e son sicuro,
     16Che l'uso m'à portà.
Voi disgustarte, e sento
     Proprio che no son bon;

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_1.djvu/32&oldid=69577"