Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 1.djvu/25

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     E quei tanti altri pezzi
     72Che usè de doparar;
Quel padiglion magnifico
     Che alzè co' se' in campagna,
     Dove no sol se magna
     76Al fresco i dì d'istà,
Ma che s'impianta spesso
     Soni, festini e canti,
     E tuto quel che incanti
     80Dal mondo vien chiamà;
Le zoje che avè al colo,
     Le bucole, i rechini,
     E le perle e i rubini
     84Che ai brazzi vu portè,
Le franze, i fiochi, i merli,
     E tanti bei recami,
     Le stofe ed i pelami
     88Che a casse conservè:
In soma tuta quela
     Pompa che Dea ve rende
     Ai ochi che no intende
     92La vera volutà:
Perdona, cara Nina,
     No condanarme e tasi:
     No val un per de basi
     96De la to prima età.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_1.djvu/25&oldid=67663"