Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 1.djvu/23

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     Ma el fresco, el bon, el belo,
     20E un cuor inzucherà;
Anima morbinosa,
     Ochieto biseghin,
     Sen d'alabastro fin
     24Sul torno lavorà.
Co tante grazie adesso,
     Fresca, matona e bela
     Chi, furba e baronzela
     28No aveva a deventar?
Ti 'l geri, o caro ogeto,
     E Amor, me lo perdona,
     Furba cussì e barona
     32Più te saveva amar.
Quanto è diversa, oh Dio!
     Degnissima signora,
     Sta vita che ve onora
     36Da quei beati dì!
Quel omo grando e grosso
     Che fè a la porta star,
     L'imagine el me par
     40Giusto del tempo a mì;
Par che da vu el descazzi
     Co quel so bruto viso
     Piaceri, amori e riso,
     44Che nol li vogia più.
In fati, quei puteli
     Mati, insolenti e schieti,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_1.djvu/23&oldid=67661"