Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 1.djvu/12

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     E i zefiri de miel
     76Spruzzava i fiori;
La bionda Aurora, alzandose,
     Facea col so splendor
     Cambiar in t'un rossor
     80Quela biancura;
E da quel lume vivido
     Le montagne a indorar:
     E dopo a rossizar
     84Vedeva i coli:
E 'l ragio vivacissimo
     Del Sol, che avea spontà,
     Rifleteva qua e là
     88Sui prai, sui campi;
E sora l'erbe morbide
     Che l'andava a ferir,
     Vedevi a comparir
     92Perle e diamanti.
Chi mai con sto spetacolo,
     Quando nol gera un mi,
     Benedio quel bel dì
     96Non averave?
E pur l'oror, le tenebre
     Ò bu a desiderar
     Per poder pascolar
     100La mia tristezza;
Che za no pol un'anema,
     Ch'à perso el caro ben,