Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 1.djvu/10

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     No m'ò sentìo a scemar
     20Nel cuor l'afano.
La tropo cara imagine
     Sempre xe viva in mi;
     No vedo altro che ti,
     24Ti sola sento.
Ma, cara, oh Dio! do' fulmini
     Quei bei ochi me par,
     E i vedo a condanar
     28La mia fredezza.
E pur no son colpevole:
     Se ti m'à leto el cuor,
     Ti averà del dolor
     32Visto le marche.
Perchè quel zorno oribile
     Che t'ò cussì lassà,
     No elo stà scancelà
     36Dai dì de l'ano?
Perchè un destin teribile,
     Perchè un dover tiran
     M'ha de tegnir lontan
     40Da chi è 'l mio tuto?
Za le infernali furie
     Strazza ogni dì sto sen,
     Sento tuto el velen
     44Dei so' serpenti.
El sono (che dei miseri
     Sempre l'à bu pietà)

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_1.djvu/10&oldid=59767"