Pagina:Canti pel popolo veneziano.djvu/68

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


X


Marco, mio pare ha dito che ti vegni
Primo in bandiera, o pur anca segondo;
E che a lu dopo ti ghe la consegni,
Che alora sarò toa, cascasse el mondo.


XI


Vitoria, go capio, tanto me basta;
Primo o segondo vegnirò seguro;
Ti me l'ha dito ti; chi me contrasta,
Capirà ancuo se andarò in leto a scuro.


Ecco un grazioso dialoghetto fra due innamorati. La giovane consola l'amante colla speranza, che il padre di lei acconsentirà alle nozze quand'egli, correndo la regata, vinca il primo premio, od al più, il secondo.

Il barcajuolo si sente a lati parole accendere le fiamme nel cuore, e pieno d'entusiasmo, come se già recasse la vittoria in pugno:

«Vitoria, esclama, non temere; io ho inteso, e mi basta; va pur là, non prenderti pensiero, chè la prima

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Canti_pel_popolo_veneziano.djvu/68&oldid=61892"