Pagina:Canti pel popolo veneziano.djvu/66

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


VIII


Se venzo un terno al loto go fortuna;
Se venzo la regata go bravura:
Ma chi xe nato fiol de sta laguna,
Ga più caro l'onor per far fegura.


Da quanto abbiamo detto intorno al pregio in che si tiene da' barcajuoli il trionfo nella regata, non è difficile prestar fede alla generosa protesta di costui; il quale dichiara dì rinunciare di buon grado alla vincita di un terno al lotto, notate, un terno al lotto per un barcajuolo...! per cogliere piuttosto la palma fra' regatanti; ed è semplice e ragionevole l'argomentazione ch'egli fa, per renderne persuaso un qualche suo amico, che più interessato, e meno magnanimo di lui, sembra essere di contrario avviso.

Far fegura: figurare, comparire.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Canti_pel_popolo_veneziano.djvu/66&oldid=61891"