Pagina:Canti pel popolo veneziano.djvu/207

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


LV


Più che ghe penso su manco la intendo;
La to mama no vol che mi te parla,
E digando la va che tropo spendo,
Che una mugier no posso ben tratarla,
Perchè compro pocheto e spesso vendo;
Ma mi posso responder, per quietarla:
No fazzo pegni, compro la to grazia;
Vendo le mie fadighe, che me sazia.


No fazzo pegni: non dò a pegno.


LVI


In Morea vol che paga la mia fede;
La mia Mora fedel qua me vol vede;
Ma Marco a tagiar vien la testa al toro,
E via me manda per el so decoro.


Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Canti_pel_popolo_veneziano.djvu/207&oldid=61571"