Pagina:Canti pel popolo veneziano.djvu/17

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


CANTI


PEL POPOLO VENEZIANO


I


Fa nana fantolin de la Madona,
Fa nana anema mia, che mi te vardo,
Fa nana pignoleto de to nona,
E de to nono bel pometo sguardo;
Del to caro papà speranza bona,
Mio zensamin, e po zegio gagiardo;
Fa nana coresin fra nu vegnudo,
Per esser de san Marco un zorno scudo.


Questa è la cantilena che una donna del volgo, ai tempi amichi della repubblica intuona, sopra la culla del suo bambinello per conciliargli il sonno. Andiamola analizzando.

La voce fantolin è sinonimo di bambino, ed è molto

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Canti_pel_popolo_veneziano.djvu/17&oldid=61034"