Pagina:Antiche villotte e altri canti del folk-lore veronese.djvu/10

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



     Àmeme, vita mia, chè te amo anch'io!
In verità, no te lascierò mai:
Se te sarè1 costante, anima bela,
Costante te sarò matina e sera:
Se te sarè costante all'amor mio,
Constante all'amor tuo me troverai.
Se te sarè costante a la mia sorte,
Constante te sarò fino alla morte.


     Angila bela, quando andè2 par acqua,
Le vostre secie le par secie d'oro,
E l'acqua che gh'è drento la par ambra:
L'amor d'un giovenin se raccomanda.
Se raccomanda tante spesse volte,
Come i cavei ch'è3 in de le treçe vostre;
Le treçe vostre portan magiorana,
In mezo al pèto gh'i4 una stela diana.
Stela diana, stela matutina,
Che fa splendor la sera e la matina;
Che fa splendor la sera a andar a lato,
E la matina, ne l'alzarse al pèto.

  1. Sarè, sarai.
  2. Andè, andate.
  3. Ch'è, che sono.
  4. Gh'i, avete.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Antiche_villotte_e_altri_canti_del_folk-lore_veronese.djvu/10&oldid=60196"