Le baruffe chiozzotte/Atto terzo

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
←  SECONDO ATTO Edission e fonte ▼

SCENA I[canbia]

Strada con casa, come nelle altre scene.

BEPPO, solo.

No m'importa; che i me chiappe, se i me vo' chiappare. Anderò in presón: no m'importa gnente; ma mì retirà no ghe vòggio più stare. No muoro contento, se a Orsetta no ghe dago una slèpa. E a Marmottina ghe vòggio taggiare una rècchia, se credesse d'andare in galìa, se credesse. La porta xé serà de custìe, xé serà anca da mì, xé serà. Lucietta, e mia cugnà le sarà andàe a parlare per mì e per mio fradelo Toni; e custìe le sarà andàe a parlare per Marmottina. Sento zènte, sento. Me pare sèmpre d'aver i zaffi a la schina. Zitto, che vié Orsetta. Vié, vié, che te vòggio giustare.

SCENA II[canbia]

LIBERA, ORSETTA e CHECCA col ninzoletto sulle spalle, e detto

LIB. (amorosamente)Beppo!
ORS. El mio caro Beppo!
BEP. In malora, ìa!
ORS. Con chi la gh'àstu?
LIB. A chi in malora?
BEP. In malora quante che sé.
CHE. (a Beppo)Vàghe ti in malórzega.
ORS. (a Checca)Tasi. (a Beppo)Còssa t'avèmio fatto?
BEP. Ti sarà contenta, anderò in presón; ma avanti ch'a ghe vaghe...
ORS. No, no t'indubitare. No sarà gnente.
LIB. Paron Vicenzo l'ha dito cusì, ch'a no se stemo a travaggiare, che la còssa sarà giustà.
CHE. E po gh'avèmo per nu el Cogitore.
ORS. Se può savere con chi ti la gh'ha almanco?
BEP. Con tì la gh'ho.
ORS. Co mì?
BEP. Sì, con tì.
ORS. Còssa t'òggio fatto?
BEP. Còssa te vàstu a impazzare co Marmottina? Perché ghe pàrlistu? Per cossa te viénlo a cattare?
ORS. Mì?
BEP. Tì.
ORS. Chi te l'ha dito?
BEP. Mia cugnà, e mia sorela me l'ha dito
ORS. Busiàre!
LIB. Busiàre!
CHE. Oh, che busiàre!
ORS. El xé vegnù a parlare con Checca.
LIB. E po el xé andao a sentarse da to sorela.
ORS. E el gh'ha pagào la zucca.
CHE. Basta dire, che Titta-Nane ha licenziào Lucietta.
BEP. L'ha licenzià mia sorela? Per còssa?
CHE. Per amore de Marmottina
ORS. E mi còssa gh'òggio da intrare?
BEP. (a Orsetta)Marmottina no xé vegnù a parlare co tì? L'ha parlao co Lucietta? Titta-Nane l'ha licenzià?
ORS. Sì, can, no ti me credi, balon? No ti credi a la to povera Orsetta, che te vol tanto ben; che ho fatto tanti pianti per tì; che me disconisso per cause toe?
BEP. Còssa donca me vienle a dire quele pettazze?
LIB. Per scaregarse ele, le ne càrega nù.
CHE. Nù no ghe femo gnente, e ele le ne vuol male.
BEP. (in aria minacciosa)Che le vègna a cà, che le vègna!
ORS. Zitto che le xé qua.
LIB. Tasé.
CHE. No ghe disé gnente.

SCENA III[canbia]

PASQUA e LUCIETTA col ninzoletto sulle spalle, e detti.

LUC. (a Beppo)Còss'è?
PAS. (a Beppo)Còssa fàstu qua?
BEP. (Con sdegno)Còssa me séu vegnùe a dire?
LUC. Senti.
PAS. Vié qua, senti.
BEP. Còssa v'andéu a inventare?...
LUC. (con affanno)Mo vié qua, presto!
PAS Presto, poveretto tì!
BEP. Còss'è? Còssa gh'é da niovo? (s'accosta e lo prendono in mezzo)
LUC. Va via.
PAS. Vàte a retirare. (intanto le altre due donne si cavano i ninzoletti)
BEP. Mo se le m'ha dito, che no xé gnente.
LUC. No te fidare.
PAS. Le te vol sassinare.
LUC. Sèmo stae a Palazzo, e nù no i n'ha gnanca volèsto ascoltare.
PAS. Ele i le gh'ha ricevèste, e nu altre i n'ha cazzào via.
LUC. E Orsetta xé stada drento più de un'ora col Cogitore.
PAS. Ti xé processà!
LUC. Ti xé in cattura.
PAS. Vàte a retirare.
BEP. (a Orsetta)Comuòdo? A sta via se sassina i òmeni?
ORS. Còss'è stà?
BEP. Tegnirme qua per farme precipitare?
ORS. Chi l'ha dito?
LUC. L'ho dito mi, l'ho dito.
PAS. E savèmo tutto, savèmo.
LUC. (a Beppo)Va via.
PAS. (a Beppo)Va via.
BEP (a Orsetta) Vago via... ma me l'averé da pagare

SCENA IV[canbia]

PARON TONI, e detti.

PAS Marlo!
LUC. Fradelo!
PAS. Andé via.
LUC. No ve lassé trovare.
TON. Tasé tasé, non abbié paura, tasé. Xé vegnùo a trovarme paron Vicenzo, e el m'ha dito, che l'ha parlà co sior Canceliere, che tutto xé accomodao, che se può caminare.
ORS. Sentìu?
LIB. Ve l'avèmio dito?
CHE. Sèmio nù le busiàre?
ORS. Sèmio nù, che ve vôl sassinare?
BEP. (a Pasqua e Lucietta)Còssa v'insuniéu? Còssa v'andéu a inventare?

SCENA V[canbia]

PARON VICENZO, e detti.

ORS. Vèlo qua paron Vicenzo. No xé giustà tutto, paron Vicenzo?
VIC. No xé giustà gnente.
ORS. Come, no xé giustà gnente?
VIC. No gh'è caso che quel musso ustinà de Marmottina vòggia dar la pase; e senza la pase no se puol giustare.
PAS. Oe, sentìu?
LUC. No ve l'òggio dito?
PAS. No ghe credé gnente.
LUC. No xé giustà gnente.
PAS. No ve fidé a camminare.
LUC. Andéve subito a retirare.

SCENA VI[canbia]

TITTA-NANE, e detti.

PAS. Oh! Titta-Nane, còssa féu qua?
TIT. Fazzo quelo che vòggio, fazzo.
PAS. (da sé)(Oh! no la ghe xé gnanca passà).
LUC. (a Titta)No gh'avé paura dei zaffi?
TIT. (a Lucietta con sdegno)No gh'ho paura de gnente. (a paron Vicenzo) So stào dal Cogitore; el m'ha mandào a chiamare; e el m'ha dito, che camine quanto che vòggio, e che no staghe più a bacilare.
ORS. (a Lucietta)Parlé mo adesso se gh'avé fià da parlare. No ve l'òggio dito, che gh'avemo per nù el Cogitore?

SCENA VII[canbia]

COMANDADOR, e detti.

COM. Paron Toni Canestro, Beppo Cospettoni, e Titta-Nane Moletto, vegnì subito a Palazzo con mi da sior Cancelier.
PAS. Oh poveretta mì!
LUC. Semo sassinài!
PAS. (a Orsetta)Che fondamento ghe xé in te le vostre parole?
LUC. (a Orsetta)De còssa ve podéu fidare de quel panchiana de Cogitore?

SCENA VIII[canbia]

ISIDORO, e detti.

LUC. (vedendo Isidoro)(Uh!)
ISI. Chi è, che me favorisse?
ORS. (accennando Lucietta! Vèla là, lustrissimo. Mì no so gnente.
LUC. Còssa vôrli da i nostri òmeni? Còssa ghe vôrli fare?
ISI. Gnente; che i vegna con mì, e che no i gh'abbia paura de gnente. Son galantomo. Me son impegnà de giustarla, e sior Cancelier se remette in mì. Andé, paron Vicenzo, andé a cercar Marmottina, e fé de tutto per menarlo da mi; e se nol vól vegnir per amor, diséghe, che lo farò vegnir mì per forza.
VIC Sior sì; so qua co se tratta de far del ben. Vago subito. Beppo, paron Toni, vegnì co mi che v'ho da parlare.
TON. So co vù, compare. Co so co vù, so seguro. (parte)
TIT. (da sé)(Oe, mì no me slontàno dal Cogitore).
BEP. Orsetta, a revèderse.
ORS. (a Beppo)Xèstu in còlera?
BEP. Via, che cade? A monte, a monte. Se parlerèmo. (parte con paron Toni e paron Vicenzo)

SCENA IX[canbia]

ISIDORO, CHECCA, LUCIETTA, PASQUA e TITTA-NANE (più ORSETTA e LIBERA),

CHE. (a Isidoro, piano)(La diga, lustrissimo?)
ISI. (a Checca, piano)(Còss'è, fia?)
CHE. (Gh'àlo parlà?)
ISI. (Gh'ho parlà).
CHE. (Còss àlo dito?)
ISI. (Per dirvela, no'l m'ha dito né sì, né no. Ma me par che i dusento ducati no ghe despiasa).
CHE. (Me raccomando).
ISI. (Lassé far a mi). Via andémo, Titta-Nane.
TIT. (in atto di partire)So qua con ela.
LUC. (a Titta)Gnanca, patron? Gnanca un strazzo de saludo?
PAS. (a Titta)Che creanza gh'avéu?
TIT. (con disprezzo)Patróne.
ISI(a Titta)Via, saludé Checchina.
TIT. (con buona grazia)Bela putta, ve saludo. (Lucietta smania)
CHE. Siorìa, Titta-Nane.
TIT. (da sé)(Gh'ho gusto, che la magna l'agio Lucietta, gh'ho gusto; me vòggio refare). (parte)
ISI. (da sé)(Anca questo per mì xé un divertimento). (parte)

SCENA X[canbia]

LUCIETTA, ORSETTA, CHECCA, PASQUA e LIBERA.

LUC. (a Pasqua)(Avéu sentìo còssa che el gh'ha dito? Bela putta el gh'ha dito).
PAS. (a Lucietta)(Mo via còssa vùstu andar a pensare?)
LUC. (caricandola forte, che sentano) E ela? Siorla Titta-Nane, siorìa Titta-Nane.
CHE. Coss'è, siora, me burléu?
ORS. Dighe, che la se varda ela.
I. IB. Che la gh'ha el so bel da vardare.
LUC. Mì? Oh! de mi ghe xé puoco da dire: che cattive azion mi no ghe ne so fare.
PAS. (a Lucietta)Via, tasi, no te n'impazzare. No sàstu, chi le xé? Tasi.
CHE. Còssa sèmio?
ORS. (a Libera)Còssa voressi dire?
LIB. (a Orsetta)Via; chi ha più giudizio, el dòpera.
LUC. Oh la savia Sibìla! Le putte, che gh'ha giudizio, parona, le lassa star i novizzi, e no le va a robare i morosi.
ORS. A vù cossa ve robèmio?
LUC. Titta-Nane xé mio novizzo.
CHE. Titta-Nane v'ha licenzià.
PAS. No xé vero gnente.
LIB. Tutta la contrà l'ha sentìo.
PAS. Via, che sé una pettegola.
ORS. Tasé là, donna stramba.
LUC. Sentì, che sbrenà!
LTB. (con ironia e collera)Sentì, che bela putta!
LUC. Mèggio de to sorela.
CHE. No ti xé gnanca degna de minzonarme.
LUC. Povera spórca!
ORS. Come pàrlistu! (s'avanzano in zuffa).
PAS. Voléu ziogare, che ve petuffo?
LIB. Chi?
O RS. Mare de diana! che te sflazelo, vara.
LUC. Oh, che giandussa!
ORS. (le dà sulfa mano)Parla ben, parla.
LUC. (alza le mani per dare)Oe!
LIB. (spingendo Pasqua)Tìrete in là, oe!
PAS. (spingendo Libera)Còss'è sto spenze?
ORS. Oe, oe! (si mette a dare, e tutte si dànno, gridando)
TUTTE. Oe, oe!

SCENA XI[canbia]

PARON FORTUNATO, e dette.

FOR. Fermève, fermève, donne, donne, fermève. (le donne seguono a darsi, gridando sempre. Fortunato in mezzo, fìnchè gli riesce di separarle, e caccia le sue in casa).
LIB. Ti gh'ha rason. (entra)
CHE. Ti me l'ha da pagare. (entra)
ORS. Te vói cavare la petta, vara. (entra)
PAS. Maledetta! Se no me fava male a sto brazzo, te voleva colegare per terra. (entra)
LUC. E vù, savé, sior Carogno, se no ghe faré far gindizio a culìe, ve trarò su la testa un de quei pittèri, che spuzza. (entra)
FOR. Andé là, puh! maledìe! donne, donne, sempre baùffe, sempre chià. Dise bè e proverbio: donna danno; donna malanno, malanno, danno, malanno. (entra in casa).

SCENA XII[canbia]

Camera in una casa parlicolare.

ISIDORO e TITTA-NANE.

ISI. Vegnì co mi, non abbié suggizion, qua no semo a Palazzo, qua no semo in Cancelaria. Semo in casa de un galantuomo, de un Venezian, che vien a Chioza do volte a l'anno, e co nol ghe xé elo, el me lassa le chiave a mì; e adesso de sta casa son paron mi, e qua s'ha da far sta pase, e s'ha da giustar tutti i pettegolezzi, perché mi son amigo d'i amici, e a vu altri Chiozotti ve vòggio ben.
TIT. Pe so grazia, sió Cogitore.
ISI. Vegnì qua, zà che semo soli...
TIT Dove xéli sti altri?
ISI. Paron Vicenzo xé andà a cercar Marmottina, e el vegnirà quà, che zà el sa dove che l'ha da vegnir. Paron Toni l'ho mandà da mì in Cancelaria a chiamar el mio servitor, perchè vói che sigilemo sta pase con un pèr de fiaschetti. E Beppo, co v'ho da dir la verità, el xé andà a chiamar donna Libera e paron Fortunato.
TIT. E se Marmottina no volesse vegnire?
ISI. Se no'l vorà vegnir, lo farò porter. Orsù zà che semo soli, respondéme a tòn sul proposito, che v'ho parlà. Checchina ve piàsela? La voléu?
TIT. Co gh'ho da dire la giusta veritàe, la me piase puoco, e fazzo conto de no la volere.
ISI. Come! No m'avé miga dito cusì stamattina.
TIT. Còssa gh'òggio dito?
ISI. M'avé dito: no so, son mézo impegnà. M'avé dòmandà, còssa la gh'ha de dote. Mì v'ho anca dito, che la gh'aveva dusento e passa ducati. M'ha parso, che la dote ve còmoda; mtha parve, che la putta ve piàsa. Còssa me scambiéu adesso le carte in man?
TiT. Lustrìssimo, mì no ghe scambio gnente, lustrissimo. La abbia da saére, che a Lucietta, lustrìssimo, xé do anni, che ghe fazzo l'amore, e me son instizzào, e ho fatto quel che ho fatto per zelusìa, e per amore, e la gh'ho licenzià. Ma la gh'abbia da satre, lustrìssimo, che a Lucietta ghe vòggio ben, ghe vòggio; e co un omo xé instizzào, nol sa quelo ch'a se dighe. Stamattina Lucietta l'averàve mazzà, e zà un puoco gh'ho volèsto dare martelo; ma co ghe pènso, mare de diana! lustrìssimo, no la posso lassare; e ghe vòggio ben, ghe vòggio. La m'ha affrontào; la gh'ho licenzià: ma me schioppa el cuor.
ISI. Oh bela da galantuomo! E mì ho mandà a chiamar donna Libera, e paron Fortunato, per parlarghe de sto negozio, e domandarghe Checca per vu.
TIT. (Con dispiacere)Grazie, lustrìssimo.
ISI. No la volé donca?
TIT. (come sopra). Grazie a la so bontàe.
ISI Si? o no?
TIT. Co bo respetto: mi no. lustrìssimo.
ISI. Andéve a far squartar, che no me n'importa.
TIT. Comuòdo pàrlela, lustrissimo? So pover'omo, so un povero pescaóre; ma so galantomo, lustrissimo.
ISI. Me despiase, perché gh'averave gusto de maridar quela putta.
TIT. Lustrissimo, la me compatissa, se no ghe fasse affronto, ghe voràve dire do parole, ghe voràve dire.
ISI. Disé pur: còssa mo voressi dir?
TIT. Caro lustrìssimo, la prego, no la se n'abbia per male.
ISI. No, no me n'averò per mal. (da sé)(Son curioso de sentir, còssa che el gh'ha in testa de dirme.)
TIT Mi parlo co tutto e respetto. Baso dove che zappa e sió Cogitore; ma se m'avesse da maridare, no vorìa che un lustrissimo gh'avesse tanta premura per mia muggièr.
ISI Oh che caro Titta-Nane! Ti me fa da rider, da galantomo. Per cossa crédistu che gh'abbia sta premura per quela putta?
TIT. (ironico)Che cade? Affin de ben, affin de ben, che cade?
ISI. Son un zóvene onesto, e non son capace...
TIT. Eh via, che cade?
ISI. (da sé)(Oh che galiotto!)

SCENA XIII[canbia]

PARON VICENZO e detti, poi TOFFOLO.

VIC. So qua, lustrìssimo. Finalmente l'ho persuaso a vegnire.
ISI. Dov'elo?
VIC. El xé de fuora; che lo chiame?
ISI. Chiamélo.
VIC. Tòffolo, vegni a nù.
TOF So quà, pare. (a Isidoro salutandolo)Tissimo.
ISI. Vien avanti.
TOF. (salutandolo ancora)Lustrissimo sió Cogitore.
ISI. Dime un poco, per còssa no vùstu afar la pase a quei tre òmeni, coi quali ti ha avù stamattina quela contesa?
TOF Perché, lustrissimo, i me vuol amazzare.
ISI. Co i te domanda la pase, no i te vuol mazzar.
TOF. I xé galiotti, lustrìssimo.
TIT. (a Toffolo, minacciandolo, acciò parli con rispetto)Olà, olà.
ISI. (a Titta)Quietéve. E ti parla ben, o te farò andar in t'un camerotto.
TOF. Quel che la comanda, lustrìssimo.
ISI. Sàstu che per le pieràe che ti ha tratto, ti meriti anca ti d'esser processà; e che, stante la malizia, co la qual ti xé vegnù a querelar, ti sarà condannà in te le spese?
TOF Mi so pover'omo, lustrìssimo; mi no posso spèndere. (a Vicenzo e Titta)Vegni qua, mazzème; so pover'omo, mazzème.
ISI. (da sé)(Costù el par semplice; ma el gh'ha un fondo de malizia de casa del diavolo.)
VIC. Daghe la pase, e la xé fenìa.
TOF. Vòggio essere seguro de la mia vita.
ISI. Ben, e mi te farò assicurar. Titta-Nane, me déu parole a mì de no molestarlo?
TIT. Mi sì, lustrissimo. Basta che el lassa stare Lucietta, e che nol bàzzega per quele contràe.
TOF Mi, fradelo, Lucietta non la gh'ho gnanca in mente, e no ziro colà per ela, no ziro.
ISI. Per chi ziristu donca?
TOF. Lustrissimo, anca mi so da maridare.
ISI. Mo via, di' suso. Chi gh'àstu da quele bande?
TOF. Lustrìssimo...
VIC. Orsetta?
TOF. Made!
ISI. Checca fursi?
TOF. (ridendo)Ah, ah! bravo lustrissimo, bravo.
TIT Ti xé un busiaro!
TOF. Per còssa busiaro?
TIT. Perché Checca m'ha dito, e donna Libera, e Orsetta m'ha dito, che ti t'ha sentào da Lucietta, e che ti gh'ha pagào da marenda.
TOF. Per fare despetto l'ho fatto.
TIT. A chi?
ISI. (a Titta)Quietéve. Distu dasséno, che ti ghe vól ben a Checca?
TOF. Mi sì, da putto.
ISI. La toréssistu per muggièr?
TOF. Mare de diana, se la chioràve!
ISI. E ela mo, te voràla?
TOF Vara, chiòe! Per còssa no m'averàvela da volere? La m'ha dito de le parole, l'ha m'ha dito, che no le posso mo gnanca dire. So sorela m'ha descazzào, da resto... e co metto peota a Vigo, la poderò mantegnire.
ISI. (da sé)(Mo el saràve giusto a proposito per Checchina)

SCENA XIV[canbia]

PARON TONI, un Servitore con fiaschi, e detti.

TON. Xé qua el servitor, lustrissimo.
ISI. Bravo! Metti zoso quei fiaschi, e va de là in cusina e varda in quel armeretto, che gh'é dei gotti. (servitore parte)
TON. (Com'èla, paron Vicenzo?)
VIC. (Ben, ben. S'ha scoverto de le còsse... Anderà tutto ben.)
ISI. Tòffolo, alegramente, che vói che femo sto matrimonio.
TOF. Magari, lustrissimo!
TON. Olà, Toffolo, con chi?
ISI. Con Checchina.
TON. E mio fradelo Beppo sposerà Orsetta.
ISI. Bravi! E Titta-Nane sposerà Lucietta.
TIT. Se la vegnirà co le bone, può essere che mi la spose.
ISI. A monte tutto. No gh'ha da esser puntigli. Avemo da far ste nozze, e vegnì qua tutti, e sposéve qua. Provederò mi i confetti, e ceneremo e faremo un festin, e staremo alegri.
TOF. Paró Toni, aliègri.
TON. Aliègri, paró Vicenzo.
VIC. Aliègri.
ISI. Via, Titta-Nane, anca vu aliègri!
TIT. So qua, so qua, no me cavo.
ISI. Via, fé pase.
TOF. Pase. (abbraccia Toni)
TON. Pase. (abbraccia Toffolo)
TOF. Amìgo. (abbraccia Titta)
TIT. Amìgo. (abbraccia Toffolo)
TOF. Paró Vicènzo. (abbraccia Vicenzo).
VIC. Amici, amici.

SCENA XV[canbia]

BEPPO e detti.

TOF. (salta ed abbraccia Betio)Amigo, pase, parente, amico.
BEP. Férmete. (a Toni)Oh che strepiti! Oh che sussuri! Fradelo, no ve posso fenir de dire.
ISI. Coss'é stà?
BEP. (parla delle donne)Le ha criao, le s'ha dao, le stha petuffao.
ISI. Chi?
BEP. Mia cugnà Pasqua, Lucietta, donna Libera, Checca, Orsetta. So andao per andare, come che m'ha dito e sió Cogitore. No le m'ha volesto in cà, no le m'ha volesto. Orsetta m'ha serao el balcon in te'l muso. Lucietta no vól più Titta-Nane. Le cria, che le s'averze; e ho paura che le se voggia tornar a dare.
TIT. Sangue de diana! Com'èla? Sangue de diana! (parte)
TON Voggio andar a defendere mia muggière. (parte)
BEP. Se daremo, se daremo, faremo custion, se daremo. (parte)
VIC. Fermève, fermève, no sté a precipitare. (parte)
TOF. Che i lassa stare Checca, oe! che i lassa stare. (parte)
ISI. Siéu maledetti, siéu maledetti, siéu maledetti! (parte)

SCENA XVI[canbia]

Strada con casa, come altre volte.

LUCIETTA e ORSETTA alla finestra delle loro casa. DONNA PASQUA di dentro.
LUC. Còss'è? No ti vól più mio fradelo? No ti xé gnanca degna d'averlo.
ORS. Oh! ghe vuol puoco a trovare de meggio.
LUC. Chi troverastu?
ORS. Rulo.
LUC. Ghe mancheràve puoco, che no te fasse la rima.
ORS. No se salo, che ti xé una sboccà?
LUC. Sì se fusse co fa tì.
ORS. Tasi se, che son una putta da ben.
LUC. Se tale ti fussi, tale ti operaressi.
ORS. Via sussurante.
LUC. Cattabaruffe.
PAS. (di dentro chiamandola forte)Lucietta, vien drento, Lucietta.
LUC. Tì gh'anderà, via, ve', de sta contrà
ORS. Chi?
LUC. Ti.
PAS. (di dentro)Lucietta.
ORS. Chiò, vara. (si batte nel gomito)
LUC. Va al turo. (si ritira)
ORS. Povera spórca! Con chi crédistu aver da fare? Mi sì, che me mariderò; ma tì? No ti troverà nissun che te vòggia. Uh! quel povero desgrazià che te voleva, el stava fresco; el giera conzà co le ceolette. No'l te vol più, ve'. Titta-Nane, no, ve', no'l te vól più, ve'.
LUC. (torna al balcone). Mì no me n'importa, che anca se el me volesse, mì no lo vòggio.
ORS. La volpe no vuol cerièse.
LUC. Sì, sì, el sposerà quela sporca de to sorela.
ORS. Oe, parla ben
PAS. (di dentro)Lucietta.
LUC. A mì, se ghe ne vòggio, no me n'amanca.
ORS. Eh! lo so, che ti gh'ha el protettore.
LUC. Tasi sa, che te farò desdire.
PAS. (di dentro)Lucietta, Lucietta.
ORS. (burlandosi di Lucietta)Oh che paura!
LUC. Te farò vegnire l'angóssa.
ORS. Maramèo, squaquarà, maramèo.
LUC. Vago via, perché no me degno. (si ritira)
ORS. Va via, va via, no te far smattare. (si ritira)
LUC. (torna chiamandola col suo sopranome)Meggiòtto.
ORS. (torna e fa lo stesso)Panchiana.
LUC. Tuffe. (si ritira)
ORS. Malagrazia. (si ritira)
LUC. (torna, e le dice con ironia e disprezzo)Mo che bela zòggia!
ORS. (torna e le dice con ironia e disprezzo)Mo che boccoletto da riòsa!

SCENA XVII[canbia]

TITTA-NANE, poi TONI e REPPO, e detti.

TIT. (a Lucietta)Còss'è? còssa àstu dito dei fatti mìi?
LUC. Va in malora. Va a parlare con Checca. (parte)
ORS. (a Titta) No ghe tendé, che la xé una matta.
TON. (a Orsetta)Che muodo xé questo de strapazzare?
ORS. (a Toni)Via, che sé tutta zente cattiva.
BEP. Orsetta, Orsetta?
ORS. Vatte a far squartare. (parte)
TON. (a Titta)E tì no stare più a vegnire per casa, che no te vòggio.
BEP. (a Titta)E no bazzegare qua oltra, che no te volèmo.
TIT. Giusto, mo per questo, mo ghe vòggio vegnire.
BEP. Se a Marmottina ghe l'ho promettue, a tì, mare de diana, te le darò, vara. (entra in casa).
TIT. (fa un atto di disprezzo)Chiò sto canelào.
TON. In tartana da mì no ghe stare a vegnire; provédite de paron, che mì me provederò de omo. (entra in casa)

SCENA XVIII[canbia]

TITTA-NANE, poi PARON VICENZO, poi TOFFOLO, poi ISIDORO.

TIT. Corpo de una gaggiandra! qualchedun me l'ha da pagare.
VIC. Titta-Nane, com'èla?
TIT. Petto de diana! petto de diana! Arme, fora arme!
VIC. Va via, matto. No star a precipitare.
TIT. Voggio farme piccare; ma avanti, sangue de diana, ghe ne voggio colegare tre o quattro.
TOF. So qua. Come xéla?
TIT Arme, fora arme!
TOF Mi no so gnente. (corre via, e s'incontra violentemeute con Isidoro urtandosi, ed Isidoro dà una spinta a Toffolo, e lo getta in terra).
ISI. Ah bestia!
TOF Ajuto!
ISI. (a Toffolo)Con ghi la gh'àstu?
TOF (alzandosi)Ime vol dare.
ISI. Chi è che te vuol dar?
TOF Titta-Nane.
TIT. No xé vero gnente.
ISI. (a Titta)Va via de quà, subito.
VIC. No'l la gh'ha co elo, lustrissimo; el la gh'ha co Beppo, e co paron Toni.
ISI. (a Titta)Va via de quà, te digo.
VIC. (a Titta). Via, andèmo, cogné obbedire, cogné.
ISI (a Vicenzo)(Menélo via, paron Vicenzo, e tegnilo con vù, e trattegnìve sotto el portego in piazza, dal barbier o dal marzeretto, che se vorò, se ghe sarà bisogno, ve manderò po a chiamar.)
VIC. (a Isidoro)(Saràobbedìa, lustrìssimo.) (a Titta)Andèmo.
TIT. No voggio vegnire.
VIC. Andèmo co mì, no te dubitare. So omo, so galantomo; vié co mì, non te dubitare.
ISI. Via, va con elo; e fa quel che te dise paron Vicenzo; e abbi pazenzia, e aspetta: che pol esser, che ti sìi contento, e che te fazza afar quanta soddisfazion che ti vól.
TIT. Me raccomando a ela, lustrissimo. So pover'omo, so galantomo, sió Cogitore; me raccomando a ela, sió Cogitore lustrissimo. (parte con Vicenzo)

SCENA XIX[canbia]

ISIDORO e TOFFOLO.

ISI. (da sé)(Mì so, cossa ghe vorìa per giustarli. Un pezzo de legno ghe vorìa. Ma averàve perso el divertimento.) Vien qua, Tòffolo.
TOF. Tìssimo.
ISI. Vùstu che parlemo a sta putta, e che vedemo se se pol concluder sto maridozzo?
TOF. Magari, lustrissimo! Ma bisogna parlare con donna Libera so sorela, e co so cugnà paró Fortunato.
ISI. Saràli in casa, sta zente?
TOF. No so, lustrìssimo. Adesso, se la vuò che chiame?...
ISI. Andémo drento piuttosto.
TOF. Mi in cà no ghe posso vegnire.
ISI. Perché no ghe pùstu vegnir?
TOF. A Chióza, lustrissimo, un putto donzelo nol ghe può andare, dove ghe xé de le putte da maridare.
ISI. E pur so che tra vu altri se fa continuamente l'amor.
TOF. In strà, lustrìssimo, se fa l'amore; e po la se fa domandare; e co la s'ha domandà, se po andare.
ISI. Chiamémole in strada donca.
TOF. Olà, paró Fortunato, ghe séu? Donna Libera, olà.

SCENA XX[canbia]

DONNA LIBERA e detti, poi PARON FORTUNATO.

ISI. (da sé)(Eh! co sta sorda no me ne voggio impazzar).
LIB. Cosstè? Cossa vùstu?
TOF. Qua, e sió Cogitore
LIB. Lustrissimo, còssa comàndelo?
ISI. Com'éla? No sé più sorda?
LIB. Oh! lustrissimo, no. Gh'aveva una flussion. So varìa.
ISI. Cusì presto?
LIB. Da un momento a l'altro.
ISI. Anca sì, che giéri deventada sorda, per no dir...
FOR. (a Isidoro)Tissimo.
ISI. Ho gusto che sia qua anca compare Burataora. Son qua per dirve, se marideressi Checchina.
LIB. Magàri, lustrìssimo! Me la destrigheria volentiera.
FOR. Mì, utissimo, gh'ho promesso cento ducati.
LIB. E altri cinquanta ghe li averemo sunai.
ISI E mi ghe farò aver una grazia de altri cinquanta.
LIB. Sièlo benedetto! Gh'àlo qualche partìo?
ISI. (accenna Toffolo)Vardé: ve piàselo quel partìo?
FOR. Tòffao? Tòffao? Cattabaùffe, cattabaùffe.
TOF. Mi no dago impazzo a nissun, co i me lassa stare...
LIB. Con un puo' de battelo, come l'àla da mantegnire?
TOF. No metteròggio suso peòta, no metteròggio?
LIB. E dove la meneràstu, se no ti gh'ha né tétto, né cà?
FOR. La ùstu menare i battelo la novizza a dormire?
TOF. Ve podé tegnire i cento ducati, ve podé tegnire; e farme le spese a mi, e a mia muggière.
ISI. Sì ben; nol dise mal, el gh'ha più giudizio che no credeva. Podé per qualche tempo tegnirlo in casa.
LIB. Mo per quanto, lustrissimo?
ISI. A conto de sti cento ducati, per quanto voréssistu, che i te fasse le spese?
TOF. No so; almanco sie ani.
FOR. Pùffeta! puffeta! sie ani? Puffeta!
ISI. Ti voressi ben spender poco.
TOF. Che la fazza ela, lustrissimo.
ISI. (a Libera)Via, per un ano ve còmoda?
LIB. (a Fortunato)Cossa diséu, paron?
FOR. (a Libera)Fé vù, parona; parona, fé vù, parona.
TOF. Mi stago a tutto, lustrissimo.
ISI. (a Libera)Chiamé la putta. Sentimo còssa che la disc.
LIB. Oe, Checca.
FOR. (chiama forte)Checca, Checca.

SCENA XXI[canbia]

CHECCA e detti, poi ORSETTA, poi LUCIETTA.

CHE. So qua; còssa voléu?
LIB. No ti se?
CHE. Eh! ho sentìo tutto.
FOR. Bava! é tà a pionare, bava!
ISI. (a Checca) E cusì, còssa diséu?
CHE. (a Isidoro) La senta una parola.
ISI. Son qua.
CHE. (a Isidoro) (De Titta-Nane no ghe xé speranza?)
ISI. (a Checca) (El m'ha dito un de no tanto fatto.)
TOF. (da sé, con sdegno) (Anca in rècchia el ghe parla?)
CHE. (a Isidoro) (Mo per còssa?)
ISI. (a Checca) (Perché el xé innamorà de Lucietta.)
TOF. Lustrìssimo sió Cogitore.
ISI. Cossa gh'é?
TOF. Voràve sentire anca mì, voràve.
ISI. (a Checca) Via, destrighéve. Lo voléu, o no lo voléu?
CHE. (a Libera) Còssa diséu, sorela? (a Fortunato) Còssa diséu, cugnà?
LIB. (a Checca) Cossa dìstu ti? Lo vùstu?
CHE. Perché no?
TOF. (giubilando) Oh cara, la me vuole, oh cara!
ISI. Fioli, Co gh'intro mì in te le còsse, mì no vòggio brui longhi. Destrighémose, e maridéve.

SCENA XXII[canbia]

ORSETTA, e detti (poi BEPPO).

ORS. Comuòdo? Checca s'ha da maridare avanti de mì? Mì che xé tre anni che so in donzelon, no m'averò gnancora da maridare; e custìa, che xé la minore, s'ha da sposare avanti de la maggiore?
FOR. Sì bè, sì bè, e gh'ha rasòn, sì bè.
CHE. Gh'àstu invidia? Marìdete. Chi te tien che no ti te marìdi?
FOR. Siò sì, siò sì, marìdete, se ti te vuò maridare.
LIB. (a Orsetta)Ti lo gh'avevi el novizzo. Per còssa lo xèstu andà a desgustare?
FOR. (a Orsetta)Ah! per còssa?
ISI. (a Libera)No giérelo Beppo el so novizzo?
LIB. Sior sì, Beppo.
FOR. Beppo.
ISI. Aspetté (alla sua casa)Beppo ghe xélo in casa?
BEP. So qua, lustrissimo.
ISI. Per còssa seu andà in còlera con Orsetta?
BEP. Mì, lustrìssimo? L'è stada ela che m'ha strapazzào, l'è stada ela che m'ha descazzào.
ISI. (a Orsetta)Sentìu, siora?
ORS. No sàla, che la còlera orba, che no se sa de le volte quel che se diga!
ISI. (a Beppo)Sentìu? No la xé più in còlera.
BEP. Anca mì son uno, che presto me la lasso passare.
ISI. Via donca: la xé giustada. (a Orsetta)Se no volé che Checca se marida prima de vù, e vù déghe la man a Beppo avanti de ela.
ORS. (a Libera)Còssa diséu, sorela?
LIB. A mì ti me domandi?
FOR. (eccita con allegria Orsetta a maritarsi)Fala bela, Orsetta. Fala bela, fala bela.

SCENA XXIII[canbia]

LUCIETTA e detti.

LUC. (a Beppo)Come, puoco de bon! sior omo senza reputazion, averessi tanto ardire de sposare culìa che n'ha strapazzà?
ISI. (da sé)(Mèggio, da galantomo!)
ORS. (a Lucietta con collera)Còssa xé sta culía?
LIB. Oe, no se femo in vìssere.
FOR. Olà; olà, olà.
BEP. Mì no so còssa dire, mì no so còssa fare, mì me vói maridare.
LUC. Mì prima m'ho da maridare; e fin che ghe so mì in cà, altre cugnà no ghe n'ha da vegnire.
ISI. (a Beppo)Mo perchè no la maridéu?
BEP. Perché Titta-Nane la gh'ha licenzià.
ISI. Va là, Tòffolo; va in piazza sotto el pòrtego dal barbier; dighe a paron Vicenzo, che el vegna qua, e che el mena qua Titta-Nane, e che i vegna subito.
TOF. Tìssimo sì. Checca, vegno ve', vegno.
LUC. (da se')(Co Checca xé novizza co Marmottina, mi de Titta-Nane no gh'ho più zelusìa).
ISI. Ghe xé caso, donne, donne, che no digo altro, che voggié far pase, che voggié tornar a esser amighe?
LUC. Se ele no gh'ha gnente co mì, mì no gh'ho gnente co ele.
ISI. (a Libera, Orsetta e Checca)Cossa diséu?
ORS. Mì da là a là no gh'è altro.
LIB. Mì? Co no son tirada per i cavéi, no parlo mai co nissun.
ISI. E vù, Checca?
CHE. De diana! A mì me piase stare in pase co tutti.
ISI. Via donca pacifichéve, baséve.
ORS. Mì, sì.
LUC. So qua.

SCENA XXIV[canbia]

PASQUA e detti.

PAS. Còssa? còssa fastu? Tì vuò far pase? Con custìe? Co sta zente?
ISI. Oh! vegniréu vù adesso a romper le scattole?
PAS. Me maraveggio: le m'ha strapazzà.
ISI. Ouietéve anca vù. fenìmola.
PAS. No me vòggio quietare; me diòle ancora sto brazzo. No me voggio quietare.
ORS. (da sé)(Magàri l'avéssio struppià!)

SCENA XXV[canbia]

PARON TONI e detti.

ISI. Oe, paron Toni.
TON. Lustrìssimo.
ISI. Se no faré far giudizio a vostra muggièr...
TON. Ho sentio, ho sentio, lustrìssimo, ho sentio. (a Pasqua) Animo; fa pase.
PAS. No vòggio.
TON. (minacciandola)Fa pase.
PAS. No, no vòggio.
TON. (tira fuori un legno)Fa pase, te digo: fa pase.
PAS. (mortificata s'accosta)Sì, sì, mario, farò pase.
ISI. Oh bravo! Oh bravo! Oh co bravo!
LIB. Vié qua, Pasqua.
PAS So qua. (s'abbracciano)
LIB. Anca vù, putte. (tutte s'abbracciano e si baciano)
ISI. Brave, e viva; e che la dra fin che la se rompe.

SCENA ULTIMA[canbia]

PARON VICENZO, TITTA-NANE, TOFFOLOe detti; poi SERVITORE.

VIC. Sèmo qua, lustrìssimo.
ISI. Oh! vegni qua. Titta-Nane, adesso xé el tempo, che mi ve fazza cognosser, se ve vói ben, e che vu fé cognosser che sé omo.
VIC. Gh'ho tanto dito anca mi a Titta-Nane, che el me par mèzo a segno; e gh'ho speranza, che el farà tutto quelo che vuol el lustrissimo sió Cogitore.
ISI. Via donca, mandé a monte tutto. Torné amigo de tutti, e disponéve a sposar Lucietta.
TIT. Mi, lustrissimo? No la sposo, gnanca se i me picche.
ISI. Oh bela!
LUC. (da sé)(Mo no xéle còsse da pestarlo co fa el baccalà!)
PAS. (a Titta)Oe, senti: se ti credessi che t'avesse da toccar Checca, vara ve': la s'ha da sposare co Tòffolo.
FOR E mi cento ucati e dago.
TIT. Mi no ghe ne penso; che la se spose con chi la vuole.
ISI. (a Titta)E perché no voléu più Lucietta?
TIT. Perché la m'ha dito: va in malora, la m'ha dito.
LUC. Oh, vara ve'! E a mi còssa no m'àstu dito?
ISI. Orsù, chi vól, vól, e chi no vól, so danno. Vu altri a bon conto, Checca e Tòffolo, déve la man.
TOF So qua.
CHE. So qua anca mì.
ORS. Sior no, fermève, che m'ho da maridar prima mì.
ISI. Animo, Beppo, da bravo.
BEP. Oe, mì no me farò pregare.
LUC. (a Beppo)Sior no, se no me marido mì, no ti t'ha da maridar gnanca ti.
PAS E la gh'ha rasón Lucietta.
TON. E mì còssa sòggio? Mì no gh'ho da intrare? A mì no s'ha da parlare? Voléu che ve lo diga? Andé al diavolo quanti che sé, che son stuffo. (in atto di partire)
CHE. (a Isidoro)Via, che no'l vaga.
FOR. (a Isidoro)Tissimo.
ORS. (a Isidoro)Che el se ferma.
FOR. (a Isidoro fermandolo)Tissimo.
LIB. (a Isidoro)Che el gh'abbia pazenzia.
ISI. (a Lucietta)Per causa vostra tutti i altri torà de mèzo.
LUC. Via, lustrissimo, che no'l me mortifica più davantazo. Per cause mia no vòggio che toga de mezo nissùn. Se son mì la cattiva, sarò mi la desfortunà. No'l me vuol Titta-Nane? pazenzia. Còssa gh'òggio fatto? se ho dito qualcòssa, el m'ha dito de pèzo elo. Ma mì ghe vòggio ben e gh'ho perdonà; e se elo no me vol perdonare, xé segno che no'l me vôl ben. (piange)
PAS. (con passione)Lucietta.
ORS. (a Titta-Nane)Oe, la pianze.
LIB. (a Titta-Nane)La pianze.
CHE. (a Titta-Nane)La me fa peccao.
TIT. (da sé)(Maledio! Se no me vergognasse!)
LIB. (a Titta-Nane)Mo via, pussibile che gh'abbié sto cuor? Poverazza! Vardé, se no la farave muover i sassi.
TIT. (a Lucietta rusticamente)Còssa gh'àstu?
LUC. (piangendo)Gnente.
TIT. (a Lucietta)Via, animo.
LUC. Còssa vùstu?
TIT. Coss'è sto fiffare?
LUC. (a Titta-Nane con passione)Can, sassìn.
TIT. (con imperio)Tasi.
LUC. Ti me vuol lassare?
TIT. Me faràstu più desperare?
LUC. No.
TIT. Me voràstu ben?
LUC. Sì.
TIT. Paron Toni, donna Pasqua, lustrìssimo, co bona licenzia. (a Lucietta)Dàme la man!
LUC. (gli dà la mano)Tiò.
TIT. (sempre ruvido)Tì xé mia muggière.
ISI. Oh bella! (al servitore)Oe! Sansuga?
SER. Lustrissimo!
ISI. Va subito a far quel che t'ho dito.
SER. Subito. (parte)
ISI. A vù, Beppo. Sotto vù.
BEP. Mì? La varda con che facilitae. Paron Fortunato, donna Libera, lustrissimo, co so bona grazia. (dà la mano a Orsetta)Mario e muggière.
ORS. (a Checca)Oh adesso mo, marìdete anca ti, che no me n'importa.
ISI Tòffolo, chi é de volta?
TOF. Mì, prima barca. Parò Fortunato, donna Libera, lustrissimo, co so bona licenzia. (dà la mano a Checca)
CHE. (a Isidoro)Oe, la dote?
ISI. Son galantomo, ve la prometto.
CHE. (a Toffolo)Tiò la man.
TOF. Muggière!
CHE. Marìo!
TOF. E viva!
FOR. E viva, allegramente. Muggière, anca mi so in grìngola.
SER. (a Isidoro)Xé qua tutti, co la comanda.
ISI. Novizzi, allegramente. V'ho parecchià un poco de rinfresco; gh'ho un pèr de sonadori; vegnì con mí, che vói che se devertimo. Andémo, che baleremo quattro furlane.
ORS. Qua, qua balemo, qua.
ISI. Sì ben, dove che volé. Animo, porté fuora de le caréghe. Fé vegnir avanti quei sonadori; e ti, Sansuga, và al Casin, e porta qua quel rinfresco.
LUC. Sior sì, balemo, devertìmose, zà che semo novizzi; ma la sènta, lustrìssimo, ghe voràve dir dó parolètte. Mì ghe son obbligà de quel che l'ha fatto per mì, e anca ste altre novizze le ghe xé obbligae; ma me despiase, che el xé forèsto, e co'l va via de sto liógo, no voràve che el parlasse de nù, e che andasse fuora la nomina, che le Chiozotte xé baruffante; perché quel che l'ha visto e sentìo, xé stà un accidente. Semo donne da ben, e semo donne onorate; ma semo aliegre, e volemo stare aliegre, e volemo balare, e volemo saltare. E volemo che tutti posse dire: e viva le Chiozotte, e viva le Chiozotte!