Tanto te vogio ben, cara Tonina

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.

[p. 204 modifica]

LII


Tanto te vogio ben, cara Tonina,
Che ingrespo coi sospiri la laguna;
E pescando te chiamo ogni matina,
E po te chiamo al chiaro de la luna;
Anzi perchè te voi gran ben, bisogna
Che da qua avanti solo pesca a togna.


Togna nel linguaggio de' pescatori è la lenza: si pesca a togna con una corda lunghissima cui vengono attaccati parecchi ami. [p. 205 modifica] Colui che parla in questo canto, essendo preso d'amore per una donna che ha nome Antonia (nel dialetto Tonina e Togna); dopo d'averle con altri argomenti espresso il grande affetto ch'ei le porta, chiude il discorso protestando che d'ora in poi egli non vuol pescare che a togna; e questo (pel doppio senso che ha la parola), ha da essere un complimento galante che faccia andar in estasi colei alla quale è rivolto.

Ingrespo coi sospiri la laguna: cioè sospirerò tanto e cosi forte, che col soffio farò che s'increspi l'onda della laguna, non altrimenti che se fosse Garbino e Scirocco!

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Tanto_te_vogio_ben,_cara_Tonina&oldid=42971"