Ricerca di permesso a Mad. Isabella Colbrand Rossini di legger l'Adìo precedente

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Ricerca di permesso a Mad. Isabella Colbrand Rossini di legger l'Adìo precedente
1823
←  Adio Busonico al Gran Rossini Edission e fonte ▼

[p. 275 modifica]

L'autore domanda a Madama Isabella Colbrand moglie di Rossini il permesso di recitare alla sua presenza l’Adio Busonico e si fa strada sulla fine ad un augurio che non avrà certamente il suo effetto e per l'impotenza del Marito, e per la maturità esercitata della sposa.


No credè, zizole,1
     Che mi ripeta
     L'Adio Busonico
     Al gran Pianeta
Se da l'amabile
     Nostra Isabela
     (De Spagna armigera
     Primaria Stela,)
Che vardo estatico
     Alzando el goto
     Co sto mio brindese
     No scroco el voto,

[p. 276 modifica]


     L'esordio lirico
Degno de lù
No trova ostacoli
Per dirlo sù.
     Del mio vernacolo
Fecondo inzegno
L'è ai tardi posteri
Sicuro pegno;
     E pegno ai posteri
Che mì e Rossini
Semo dò classici
Novi, e divini;
     Ma broda libera
Gh'è su la fin
Che de modestia
Passa el confin,
     O per dir megio
Ghe xè una streta
Che acusa el debole
Del gran Pianeta,
     E abuso indebito
De libertà
Verso l'armonica
Dolce metà,
     Saria el coragio
De replicar
Cosse ch'el stomego
Pol rebaltar.
     Pur s'ela intrepida
Me dà licenza
(Compagna docile
De l'impotenza)

[p. 277 modifica]

     L'Adio Busonico
Senza riguardo
Qua coram populo
De dir no tardo
     Adio più tenero
Mì far voria
Cò Semiramide
Che ne và via,
     E in nodo stabile
Dì, e note al sen
El ludro amabile
Streto se tien.
     Xè mai possibile
Che muso tal
Sia per el classico
A un sasso egual?
     Xè mai possibile
Che nuo de frezze
Sia de sto bocolo
Sforzi e carezze?
     Che del trentesimo
Sul primo fior
No gabia un lucido
L'astro magior?
     No! che un miracolo
Vedo in tel scuro
Ne lontanissimo
Xè sto futuro,
     Col don profetico
Lezo Isabela!
Lezo un principio
De bavesela.

[p. 278 modifica]

     El clima elastico
Oltramontan
Lo mete in gringola,
Ghe dà una man.
     Virtù prolifica
In lù se spande
Za se desbocola
Za tira el grande,
     Se spaca l'utero
Se incastra un fio
Prole degnissima
De un tanto Dio.
     Fama lo celebra
E del bel puto
Esulta incredulo,
El mondo tuto.


FINE




Note
  1. Rivolgendosi a molti giovinotti che sollecitavano il Poeta a non lasciarsi vincere da riguardi per la sposa.