Pagina:Scherzi poetici di vari celebri autori italiani e veneziani.djvu/143

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Che sul terzo l'è quasi indormenzà.
Ma da quel sonno basta a slontanarlo,
65Un refolo d'odor, che Baffo esala,
E che cambia quel logo in una stala.
Per quella tal incomoda fragranz
El desmentega tanti altri libreti,
Temendo de trovar fra quei Poeti
70Oltre l'odor del Baffo la sostanza.
Sul Galateo che stava là in disparte,
Novo fiamante da tagiar le carte,
Sto Sorze butta l'occhio, e no ghe piase
De quel bon libro disturbar la pase.
75In questo uniformandose al rispeto,
Che à avudo el so paron col no studiarlo,
Anzi col no toccarlo,
Saviamente ha pensà de tirar dreto.
Non avendo altra vogia de magnar,
80Termina el so disnar,
Gamera utile molto in quei momenti,
Ghe dà nella Corneide i curadenti.
Tranquillo senza aver nessun impazzo,
Là consumà in sto modo i libri a sguazzo,
85Facendo quel che far ghe toccaria
Col studiarlo un paron de libreria.
Utile xe in sti casi, assicureve,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Scherzi_poetici_di_vari_celebri_autori_italiani_e_veneziani.djvu/143&oldid=65076"