Pagina:Scherzi poetici di vari celebri autori italiani e veneziani.djvu/142

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Nel Dotti lu se trova un bon boccon;
Quel piccante che forma una salsetta,
40Che lo rimette e che ghe da speranza
De cavarse caprizi a crepa panza.
Ingordo del Fedrizi
El magna varj comici pastizi,
El rosega anca el Chiari,
45E benchè senza sal, come che l'è,
El ghe fa presto una rabbiosa sè.
Ma i liquidi del Lali
Senza imbriagarlo gnente,
Da bever i ga dà comodamente.
50Geloso per trovare boconi fini,
El tasta Becatini,
Ma trovandolo un rosto dessavio,
Piutosto desgustà el lo lassa indrio.
Ghe stuzzega la gola
55Diversi Romanzieri,
Ma el stomego in languor subito el trova,
Per quei continui insipidi conzieri:
Xe una piatanza stramba
Una certa raccolta in do tometti,
60Scritta da quel Corrier senza un Gamba.
El ghe ne vol tastar do bocconetti,
Ma un effetto curioso assae i ghe fà,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Scherzi_poetici_di_vari_celebri_autori_italiani_e_veneziani.djvu/142&oldid=65075"