Pagina:Saggio di canti popolari veronesi.djvu/70

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.
— 38 —

— Sarà sta i toni de l'altra sera
     Che l'à intorbià, che l'à intorbià. —

Bambino di tre mesi.

— Oe papà, no de bevi,
     Che s'en bevi vu morirì. —
— Bevelo ti, Dona Lombarda,
     Bevelo ti, bevelo ti. —
— E come mai vûtu che fazza,
     Che no gho sê, che no gho sê?. —
— Cavo la spada che ò nel fianco;1
     El bevaretu?. —
— El bevarò;
E per l'amore di un Re di Francia
     El bevarò, e morirò. —
Cosi fano le done tirane
     Coi suoi marì, coi suoi marì.



FINE.
  1. Variante.
    — Per questa spada che porto al fianco
    Te 'l bevarè, te 'l bevarè. —
    — Per far un brindese al Re de Franza
    Lo bevarò, lo bevarò, —
    E così fano tute le done,
    Gran busarone no ama el marì.