Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/5

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


EL DIAVOLO NO VUOL SENTIR LA CROSE.


SONETTO


Vorrave, cari amici benedeti,
    Che me spiegassi, come, che 'na Dona,
    Che xe stada, e che xe 'na buzarona,
    4No voggia, che se diga i me soneti;

Se li gode a sentirli Frati, e Preti,
    E ogni più onesta, e savia Zentildona,
    E questa, che sbregada gà la Mona,
    8Se fà scrupolo, e tien i lavri streti.

Mi no posso altro dir, al mio parer,
    Che a sentir ste Poesìe libertinose
    11Ghe par, che ghe rinfazza el so mestier,

Oppur, come la xe trà le baose,
    Ghe daga sti me versi despiaser,
    14Come ghe dà al Diavolo la crose.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/5&oldid=60798"