Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/271

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


PER UNA CONCORRENZA.


SONETTO


Zorno, e notte la testa me zavaria
    Pensando chi puol esser, ch'al Baseggio
    Gabbia dà quel bellissimo conseggio
    4De voler star a Palma all'ordinaria.

Voi ben, che l'abbia per rason summaria,
    Che trà i ballottadori 'l sia dei meggio,
    Ma hò sempre visto, ch'in Mazor Conseggio
    8No la vadagna quei, che và a contraria.

Mi per altro ghe son molto obbligà,
    Che sò, che 'l compatisce 'l caso mio,
    11E 'l dise, che co mi lù no la gà;

Ma, quando l'urta in altri, anca mi crìo,
    Che se per causa soa son molestà,
    14Tanto me fà in tel Cul, come da drìo.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/271&oldid=60762"