Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/7

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.


EL GUSTO DEL SBORAR.


SONETTO


Frà i gusti de sto Mondo a mi me par,
    Che più bel gusto no ghe sìa de quello,
    De farse, co se puol, menar l'Osello,
    4Oppure qualche femena chiavar.

El gusto veramente del sborar
    Xe 'l gusto, ch'in Natura xe 'l più bello,
    E bisogna, che perso abbia 'l cervello
    8Chi de questo se vuol sempre privar.

Pure un diffetto trovo in sto solazzo;
    Che più bisognerìa, che lù durasse,
    11Oppur, che l'Omo avesse più d'un Cazzo,

Che, quando mola l'un l'altro tirasse,
    O che la gamba, i pìe, la man, e 'l brazzo,
    14La bocca, el naso, e 'l Cul tutto sborasse.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/7&oldid=60617"