Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/253

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


AL MEDESIMO.


SONETTO


Caro Papa, no fè tanto schiamazzo,
    Perchè no xe più 'l tempo dei cogioni,
    I Omeni d'ancuo xe buzaroni,
    4No i ghe ne dà delle censure un Cazzo.

Se co quelle vorrè far el bravazzo
    I ve tiorrà le sagre, e anca i perdoni,
    I dirà tutti i vostri petoloni,
    8E in Roma resterè pò un Visdecazzo.

I vostri errata corrige originalePreti giera zente tanto bona
    Allora, quando tutto 'l so trastulo
    11El consisteva in te l'andar in Mona.

In vece, che coi Prencipi fè 'l bulo,
    Doveressi veggiar, che la corona
    14Disesse 'l Clero, e nò l'andasse in Culo.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/253&oldid=60546"