Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 1.djvu/277

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


SORA DO ZENTILDONNE VENEZIANE


SONETTO


Ghe xe do zentildonne in sta Città,
    Che no se puol desiderar de più,
    Nè per bellezza, nè per nobiltà,
    4Nè per maniere, spirito, e virtù,

Le tratta tutti con sincerità,
    Le compatisce i vecchj, e zoventù,
    Ognun xe schiavo della so beltà,
    8E ognuno gh'esebisce servitù.

Una par compiacente, e no la xè,
    L'altra fà ciera a tutti, ma che prò,
    11Se una man no la vuol, che ghe tocchè.

L'è belle in vero, ma mi ve dirò;
    Co le tien stretto dove, che savè,
    14Pettevele sul Culo tutte dò.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_1.djvu/277&oldid=60383"