Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 1.djvu/15

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


SORA LA MONA


SONETTO


La Donna gà 'na cosa tanto bona,
    Che tutti la vorrìa, tutti la brama,
    Co tanti varj nomi la se chiama,
    4Ma 'l più bello de tutti xe la Mona.

Oh! Come ben sto nome in bocca sona;
    A solo nominarla el cuor s'infiama,
    Questo fà, che la Donna tanto s'ama,
    8E che dell'Omo la se fà parona.

La gà rason, se la la tien sì stretta,
    E come una reliquia ben coverta,
    11Perchè la xe una cosa benedetta.

E quei, che la vuol veder descoverta,
    O che i voggia toccarghe la Sfesetta,
    14Bisogna, che i ghe fazza la so offerta.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_1.djvu/15&oldid=60299"