Pagina:Raccolta di poesie in dialetto veneziano 1845.djvu/331

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


12Ma dove che la strada a passo a passo
     Porta inclinando al pie de la colina
     Vedè i putoti a trar l'acqua sul sasso,
     Che deventa una lastra cristalina,
     E con inzegno sbrissar zoso a basso,
     Facendo sesti a Menega, a Catina,
     Che ghe soride, e sta vardando atente,
     E de no far l'istesso le se pente.
13Oh! come in mezzo a st'inocenti zoghi,
     Come che scampa l'ore, o avanza bruna
     La note in cielo! come in cento loghi
     Fuma i camini, e l'aria più se imbruna!
     Xe le famegie tute atorno ai foghi,
     Quel missia la polenta, e quelo suna
     Le fregole che casca, e tuti aspeta
     De dar l'assalto a la più bela feta.
14L'ora e 'l silenzio al mio camin me chiama,
     Dove me impizza el fogo la gastalda:
     Più benigno calor, più bela fiama
     Dei camineti de cità ne scalda:
     Co do tre amici, e co chi el cuor me infiama,
     Formemo un cerchio atorno, e sempre calda
     Xe la conversazion, nè mai noiosa
     Co gh'è dei amici, un fogo e la morosa.
15La maldicenza, o 'l perfido soriso,
     Mai no ga cuor de comparirne avanti,
     Ma ingenuità, amicizia e scherzo e riso,
     Del rustico camin za solo amanti.
     O vin recente che ve spruzza in viso,
     O romatico, o dolce, a tuti quanti
     Nina dispensa, e crostoli e pan fresco,
     Maroni e pomi, e questo xe el rinfresco.
16La vila nel silenzio xe sepolta,
     E solo in stala el pulierin se sente
     Nitrir scorlando la criniera folta,
     Che la vogia del fien rende impaziente,
     Le zampe el sbate, e pur nissun l'ascolta,
     Ma sbragia el can, credendo che sia zente,
     E alora dal filò qualcun vien fora,
     E quieta el can, e varda in cielo l'ora.
17Xe nei filò le done de la vila,
     E i puti e le regazze unite insieme,
     Al caldo de la stala ognuna fila,
     E i puti a le regazze che ghe preme
     Ghe fa roche e cesteli; ora ghe brila
     Amor nel viso, ora i sospira e i zeme;
     Istorie, o fiabe, le più vechie conta,
     O dove la Versiera vive sconta.

18Fa sti filò che in mascara se rida
     Co Nina mia, co Nina dal cuor belo,
     Che ste regazze a cantuzzar la sfida;
     Ma la luna, che brila in mezzo al cielo,
     I nostri passi temerari invida
     A l'aria averta disprezzando el gelo,
     E al lume dei so ragi la belezza
     Se contempla dei cieli e la grandezza:
19Ah! che stacarse l'ochio mio no possa,
     No possa mai de contemplarve, o cieli!
     Ghe xe teatri al mondo, ghe xe cossa,
     Che sia come sè vu maestosi e beli?
     Quel'anima brutal, che no vien scossa
     A un spetacolo tal, coi pipistreli,
     Coi tassi, co le talpe e le marmote,
     Viva a palpon ne la più negra note.
20Vogia el destin che st'umile caseta,
     Sti campi, e la mia Nina no me manchi;
     Me sarà ogni stagion cara e dileta,
     Che nassa i fiori, o che 'l teren se imbianchi,
     L'istesso inverno, che spaventa e inquieta
     Quei che vive in cità, co amor ai fianchi
     De un nodo autor, che sto mio cuor no acusa,
     Saludarà contenta la mia musa.
21Oh co quanta dolcezza i zorni e l'ore
     Ne passa insieme! e l'ale amor ghe impresta,
     Ne vede el sol, e 'l gode, e in mar el core,
     Ma la note vien drio, la note resta:
     Che se al to aspeto el nostro mondo more,
     E xe natura scolorida e mesta;
     Oh note dei amanti confidente,
     Ti ne xe cara, e te godemo arente.
22Cara in quel'ore che lavora Nina,
     E i bei dei sul laorier presti la move,
     Co interompe el lavoro un'ochiadina
     Che tuta dolce sin al sen ne piove,
     E quando un'amorosa canzoncina,
     In ton la canta, che 'l mio cuor comove,
     E co amor sconto in la so bruna vesta
     Ore più dolci ai nostri afeti impresta:
23Ore più dolci, e cresemae da un nodo
     Tessuo da amor, ma che l'onor no sdegna,
     Che durarà tra nu costante e sodo
     Insin che morte a romperlo no vegna;
     Sì, più che t'amo, o Nina, e più m'inodo,
     E sempre più d'amor te trovo degna,
     Nè xe a maravegiarse; amor t'à fato
     Per far, col te cognosce, ognun beato.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_di_poesie_in_dialetto_veneziano_1845.djvu/331&oldid=68691"