Pagina:Raccolta di poesie in dialetto veneziano 1845.djvu/330

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



L'INVERNO CAMPESTRE.


1Co vedo l'omo nel so bel aspeto
     Pianzer sul mal che i so fradeli agrava,
     Smezzar co lori el pan, la vesta, el leto,
     Difenderlo, scusarlo, e senza bava,
     Senza velen coreger el difeto,
     Contentarlo el capon come la fava;
     Me lo perdoni Idio! no cambiaria
     Co un genio celestial la sorte mia:
2Ma co a la mente me presento st'omo,
     E pien de ingani e de malizia el vedo
     De la natura sbregar suso el tomo.
     Far che doveri e norme e legi e credo
     Deti amor proprio, e con ingano somo
     Robar, scanar, e far morir da fredo,
     Vorave aver chiuchià da un orsa el late,
     E andar, Dio mel perdoni, in quatro zate
3In tempi cussì tristi, che za folta
     Xe la zente e corota, e dove scorla
     La fiacola infernal discordia stolta,
     Dove ambizion, e ipocrisia sa torla
     Per so compagna, e va con ela in volta;
     Dove calunia acuse ingropa e incorla,
     (Che cussì xe in cità) soto qual vista
     Lo vedio mai! solo el pensier me atrista.
4Xe per questo che in mezzo a le montagne
     Dal mondo slontanà, squasi romito,
     Passo tranquili i zorni in ste campagne,
     E più el vilan, che 'l citadin, imito:
     Vedo natura, e ne le so scondagne
     Cerco de penetrar, ma no me irito
     Se un velo me nasconde i so portenti:
     Fazzo dei versi, e passo i dì contenti.
5Ma i dì xe curti e tristi, el sol ne manca,
     Xe muti i prai, xe la campagna morta,
     Sbrufa le bore, i giazzi el monte imbianca,
     La neve de la vale xe a la porta;
     Za za la fioca, za la tera è bianca,
     Se ferma i fiumi, o in giazzo i se trasporta,
     Cessa nei corpi el moto, e tuto indura,
     Nè par ch'abia più vita la natura.

6Par che più vita no la gabia, e vero,
     A l'omo che no è fato per amarla.
     Ma quel che l'ama con un cuor sincero
     Anca nel so riposo el sa trovarla
     Sempre l'istessa a esercitar l'impero;
     Elo la vede in tuto, e la ghe parla
     Nei venti, ne la neve, e ne la piova,
     E forsi assae più granda el la ritrova:
7Gh'è cossa che sia egual, maestoso inverno,
     Al lusente vestiario, a la bianchezza
     Che covre de la tera el velo esterno?
     La nostra vita, non ancora avezza,
     Esita de mandar al senso interno
     Sto novo to splendor, e la belezza
     Dei to cristali; intanto el sol radopia,
     E l'iride del ciel in tera el copia.
8Qua solitaria a cantuzzar se sente
     La passareta, che à trovà sgrafando
     Qualche granelo che à lassà la zente;
     Là i colpi el contadin va radopiando
     Sul rovere che crola, e finalmente
     Se vede a tera el tronco venerando,
     Che serve al fio de fogo, e un tempo el pare
     Avea coverto da fresch'ombre e care.
9La bora ruza, e 'l bosco la traversa,
     E za la ingoba i più robusti pini;
     Sentì a zemer la pianta, che roversa
     La neve adosso ai picoli piantini,
     E quei la so figura à squasi persa,
     Pur vedè fra la neve al par dei spini
     Le fogete a sbusar, che mai no i perde:
     E missiar quel bel bianco al più bel verde!
10Ma el sol se mostra, e in mezzo a quel boscheto
     De frassini sfogiai scherza el so ragio:
     Fornii xe i rami d'un cristal perfeto,
     Ch'ora par fato a torno, ora d'intagio,
     Che va sempre cambiando in vario aspeto,
     E se de fogo li fornisce el magio,
     Se primavera li fa alora bei,
     Più maestosi l'inverno i xe de quei.
11In mezzo de la vila a un largo fosso,
     Che l'istà serve a imbeverar le armente,
     Più de cento puteli vedè adosso,
     Sbrissar sul giazzo, urtarse e darse spente,
     E far scurzi e cascar, e a più no posso
     Rider fra lori, e far rider la zente;
     Altri za strachi, e fati un po più savi,
     Se fa un fogheto, e se cusina i ravi.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_di_poesie_in_dialetto_veneziano_1845.djvu/330&oldid=59414"