Pagina:Poeti antichi del dialetto veneziano 2.djvu/99

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


LA INDISCREZIONE


Chi à visto per la strada qualche can
     Ch'à un osso in boca e un altro in tera apresso,
     Rosegar questo, e quel guardar sì spesso
     4Che ghe par che 'l ghe scampa da le man:

Tegna mente, de grazia, a un mio paesan,
     (Che no vòi farghe el nome per adesso)
     Ch'à Mugier e Morosa, e a un tempo stesso
     8Gode una e a l'altra no sta un deo lontan.

El fa nè più nè manco come quelo,
     Che se 'l vede nissun farseghe arente
     11Ragrinza i denti e rogna e rizza el pelo.

Ma un dì vegnirà un tanto valente
     Che se gh'acosterà sì che 'l martelo,
     14E 'l redurà de l'una e l'altra in gnente;
                Ch'un can tropo insolente
     Perde po' l'osso che l'aveva in boca
     17Per far che l'altro un altro can nol toca;
                E al fin resterà un'oca
     Tanto del primo, quanto del segondo:
     20Cussì la và se se vol tuto el mondo.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Poeti_antichi_del_dialetto_veneziano_2.djvu/99&oldid=64158"