Pagina:Poeti antichi del dialetto veneziano 2.djvu/51

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


LE BELLEZZE DI MADONNA


Certi cavei rizzeti inanelai,
     Negri com'un veluo negro de pelo,
     Ornamento d'un viso cussì belo
     Co' se possa a sto mondo veder mai;

Un per d'ochi assassini che fa assai
     Chi scampa via senza lassarghe el pelo,
     Denti po', lavri e boca, e tuto quelo
     Che pol far desmissiar i indormenzai.

Ma quel che avanza el resto è certa gola,
     Che, su la fede mia, da quel che son,
     La val un pezzo d'oro quela sola.

E vita e drapi e disposizion
     E grazia in ogni gesto e ogni parola
     Che ve par d'ascoltare un Salomon.
                     No m'abiè per minchion,
     Che vòi più presto un sguardo da custìa
     Che 'l gran tesoro de la Signorìa.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Poeti_antichi_del_dialetto_veneziano_2.djvu/51&oldid=67882"