Pagina:Poeti antichi del dialetto veneziano 2.djvu/50

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     Oh quanto devo a sta vertù infinita
     Che 'l mio izsegno per ela à luse e vita!
     Mi che son un minchion desgrazià
     A che gloria, a che ben songio arivà?
Musa, l'è tempo de tirarse in porto;
     Ti è in t'un mar infinito
     Co sto batel desfito
     Governà da nochier sì mal acorto.
     Te baste co sta barca sì meschina
     Aver pizzegà i ori a la marina.
     Sti vedi el mar che possa segurarte
     Ti porà un'altra volta più slargarte.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Poeti_antichi_del_dialetto_veneziano_2.djvu/50&oldid=67890"