Pagina:Poesie veronesi (Giovanni Ceriotto).djvu/33

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


La rosta1

A Guido Bianco


     L'è un sito2 in riva a l'Adese che incanta!
Andemo Rosa!... no te vegni?... andemo!...
che fra un'ociada e un baso cantaremo
la canson de l'amor soto 'na pianta!

     Su l'Adese, la rondina se vanta,
drio 'na barca che passa e sbate el rèmo;
spassesando su e zo, confondaremo
'na passarina che la sgola e canta.

     E col pensier che passa inamorado,
indrissarò le to parole storte,
destacando un fioreto za sbociado;

     scoltaremo de l'Adese el so verso
e fin che i cori3 i batarà a le porte,
te darò un pissigon a tempo perso.

  1. La rosta: Posizione in riva all'Adige, presso S. Michele Veronese
  2. sito: luogo
  3. cori: cuori
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Poesie_veronesi_(Giovanni_Ceriotto).djvu/33&oldid=63955"