Pagina:Poesie e satire di Pietro Buratti veneziano.pdf/80

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


BARBAREIDE SECONDA


La mia musa impertinente
     No la posso più frenar
     D'un Poeta spuzzolente
     La gà vogia de cantar.
El so nome xè Almorò
     De statura picoleto
     De casada? ah questo nò,
     No lo digo che in secreto.
Zentilomo Venezian
     Che gà el muso da putelo
     Che và sempre da Florian
     E che crede d'esser belo.
Senza polvere, in frontin,
     Coi cavei piutosto grisi,
     Elegante Damerin
     No ghe manca che i barbisi. 1
Per sta nobile passion
     De voler galantizzar
     Quante volte sto cogion
     L'è stà in cima de crepar!
Se credessi che natura
     Gabia fato quei dentini
     Ve inganè. La xè impostura
     I ghe costa dei zechini.
D'un famoso milanese
     Che l'à mezzo rovinà
     L'è sta in man per più d'un mese
     Tuti i denti el gà cavà.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Poesie_e_satire_di_Pietro_Buratti_veneziano.pdf/80&oldid=58348"