Pagina:Poesie e satire di Pietro Buratti veneziano.pdf/249

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     Versi tirai
Che no val gnente
Versi stentai
Da possidente
Me deta molo
El biondo Apolo.
     Bato la luna,
E xè fortuna 7
Per vù, bon cao,
Se de recao
Fià no me sento
De torve drento.
     Oh che argomento!
Oh che argomento!
Esser al verde,
Scoder tre merde 8
Da sto Governo
(Vardè che terno!
     Merde prodoto
Dei so suori;
E lu più mato
Dei gran Signori,
Dal dito al fato
Mèterse in moto.
     E con quel muso
Condur in suso
Nezze e cugnada.
E quasi poche
Fusse tre oche
Sunar in strada.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Poesie_e_satire_di_Pietro_Buratti_veneziano.pdf/249&oldid=58642"