Pagina:Poesie e satire di Pietro Buratti veneziano.pdf/245

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


BRINDESI
contro l'Abate Marienis 1


     Oh che tempesta
Gò in sta mia testa!
Oh che pensieri
Costi poderi!
Oh che lunari,
Amici cari!
     Sarà za vero
Che sia un conforto
L'aver un porto
Sicuro a Zero 2
Ma finalmente
Zero xe gnente.
     Come l'è gnente?
Son possidente
Xè noto al mondo
Che in Zero el fondo
Xè convertìo
De tuto el mio.
     No gh'è più guai
No gh'è più Maij; 3
Fermi e reàli
Xè i capitali
Scudo a sior Piero
Xè sempre Zero.
     Per quanto al can
Sior Piero sia
Polenta e pan
Ghe n'è per dia;
Gh'è per i fioli
Zuche e fasioli.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Poesie_e_satire_di_Pietro_Buratti_veneziano.pdf/245&oldid=58638"