Pagina:Poesie Veneziane Sul Filosofo Inglese.djvu/6

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


gentili. Agli appunti di Giorgio Baffo, con brio e facilità maravigliosa, risponde il Goldoni, terminando ogni verso colle stesse parole del proprio censore; e Gasparo Gozzi si aggiunge a difenderlo col disinteresse dell'uomo leale e coll'acutezza tutta sua in una poesia ch'è interessante anche per ciò che dimostra, con rarissimo esempio, quanto valesse nel trattare il dialetto quello splendido e fecondo ingegno italiano.

Nel Capitolo XXI della Parte II delle Memorie proprie scritte da lui medesimo, Carlo Goldoni dice così dell'argomento e dell'esito della commedia «il Filosofo inglese:»

«Il teatro rappresenta una piazzetta della città di Londra con due botteghe, l'una delle quali da caffè e l'altra da libri.

Aveva allora spaccio in Italia la traduzione dello Spettatore Inglese, foglio periodico che vedevasi fra le mani di tutti.

Le donne, che in quel tempo a Venezia non leggevano molto, presero gusto per questa lettura e cominciarono a divenire filosofesse. Io ero incantato nel vedere le mie compatriotte ammettere l'istruzione e la critica alla loro toeletta, e composi la commedia di cui do il compendio.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Poesie_Veneziane_Sul_Filosofo_Inglese.djvu/6&oldid=63746"