Pagina:Poesie Veneziane Sul Filosofo Inglese.djvu/28

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Dei Quacheri el costume no cerco ne l'istoria,
     Del comico poeta questa no xe la gloria;
145Vardo solo in natura, se imbroco l'aparenza
     Del vero a mi me basta, questa è la mia incombenza.
Concedo che sta seta, nel so viver austera,
     Sia piena de virtù stravagante e severa;
Ma se pol dar che in mile de austera religion
     150Ghe sia chi finzer sapia col cuor tristo e baron,
Che de la pietà santa el mantelo se meta;
     Co 'l se pol dar, pol anca imitarlo el poeta.
Ma disè: — Co' un caratere s'ha da rapresentar,
     Se rapresenta el genere e no el particolar. —
155Quando el Molier à fato l’Amalà imaginario,
     Chi mai s'à imaginà, per parlarghe in contrario,
De dir che quel caratere el general no gera,
     Ma quel de i mezzi infermi che ga cativa ciera?
Che per meter in scena el vero, el general,
     160D'amaladi el dovea meter un ospeal?
I amalai no è da scena perchè i move a pietà,
     I Quacheri daben burlarli no è onestà;
Basta che dar se possa che un tristo ghe ne sia,
     Che su questo ga gius la comica poesia.
165Un solo che abia un vizio in teatro fa efeto,
     E general deventa d'un solo anca el defeto,
Perchè naturalmente nel cuor dei ascoltanti
     Gh'è oculta la semenza dei vizi tuti quanti.
Rason, lege, vertù ghe tagia ben la forza,
     170Ma quel fogo sepolto afato no se smorza;
E basta ch'el poeta bata ben do falive
     Che per i palchi tuti le lesche se fa vive,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Poesie_Veneziane_Sul_Filosofo_Inglese.djvu/28&oldid=63740"