Pagina:Le Rime Veneziane e Il Minuetto.djvu/32

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


VIII.

Tornarà, tornarà la primavera,
I fiori tornarà, Nina, a sbociar,
Andaremo a torsion1 matina e sera,
In gondola andaremo a respirar.

Se perdaremo, Nina, in mezo al scuro,
Lontani dala zente e dal sussuro,

e Bepo, el barcarol, non farà casi,
Co'l sentirà la musica dei basi.

IX.

Geri a Samarco un frate predicava
Contro i morosi e contro la passion,
E mi - senza badarghe a quel mincion -
Davanti a la madona te adorava.

E me recordo che viçin de ela
Ti geri ti la vergine più bela.

E che tuta la zente, omeni e done,
Vardava de più ti che le madone.

  1. In giro.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Le_Rime_Veneziane_e_Il_Minuetto.djvu/32&oldid=63228"