Pagina:I sogni.djvu/7

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.


PRIMAVERA



— Senti Angelo che ciasso
me sucede. L'altra sera
son in Borgo1 fora a spasso
e tic tac, la Primavera,
5ghe l'ho bela e soto el brasso!

Eco, un'altra dona, amigo,
che me fa pirlar2 la testa:
Ohe, parona, siora, digo,
(l'avea tolta par foresta)
10la me mola se no sigo...3

— Ciò, vilan, la me risponde:
Ela questa la maniera
de tratar le siore bionde,
che g'à un nome: Primavera,
15da la viola che se sconde!?

  1. In Borgo: si suppone l'antico Borgo Trento, che è il più prossimo alla collina e il più poetico
  2. pirlar: girare
  3. sigo: grido, chiamo.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:I_sogni.djvu/7&oldid=66626"