Pagina:El Goffredo del Tasso cantà alla barcariola (1693).pdf/31

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


80

Tutti costori, che con genio Santo
     I fà daccordo quel, che xè per Guerra,
     I s'haveva fornio de tutto quanto
     Quel, che ghe vuol per le Truppe de Terra;
     E queste andava vittoriose in tanto,
     Che tutti fava Serra, Moro, Serra;
     E presto i vien senza nissun'intoppo
     Verso Gierusalem de bon Galoppo.

81

Mà avanti d'elli xè arrivà la Niova,
     Che dise, co xè'l solito, e stradise;
     Che i xè uniti, che i vien, che à quanti i trova
     I ghe lassa sù'l babio la Vernise;
     Che i mazza, che i fà'l diavolo, che i brova
     Chì i sia, dà dove, e quanti tutto i dise;
     Chi xè più forte, e chì fà più bravae,
     E che tutti i manazza sta cittae.

82

Credo per mi, che sia più la paura,
     De quel, che forsi l'Angossa saria;
     Per tutto se fà Bozzoli, e i procura
     Da saver i Reporti d'ogni Spia;
     In la Città, e de fuora ogni Creatura
     Và brontolando con malinconia,
     Mà'l Rè frà sti pericoli stizzao
     L'è giusto deventà'l brutto Babao.

83

Aladin xè'l paron de sta Cittae,
     Che'l dà à so muodo cariche, e castighi;
     L'è sta crudel, mà doppo ch'i anni è assae
     I ghaveva scazzao dal cuor st'intrighi;
     Quando che l'hà sentio le so contrae
     Manazzae dal valor de i so nemighi
     El dubita in Città de Tradimento
     De quei Christiani, che ghe vive drento.

84

Perche in la so Città ghe xè do Sorte
     De popolo, che ghà diversa Leze:
     El manco crede in Christo, mà'l più forte
     L'Alcoran de Maometto,'l crede, e'l leze
     Mà subito, che ghà toccao la sorte
     De sto liogo al paron, che adesso'l reze,
     L'hà messo à i nostri, e l'hà levà à i guidoni
     Tanse, Aggravii, Campadeghi, e Tagioni.

85

Sto pensier donca de sto so sospetto
     El natural furor và desmissiando,
     E quanto el giera dall'età restretto,
     Dall'Ira tanto più el se và slargando:
     Cusì l'Istae'l serpente maledetto
     Xè altro da quel, che'l giera el freddo grando:
     Feghe à un Lion desmestego un'offesa,
     E pò diseme si'l ghà bona presa.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:El_Goffredo_del_Tasso_cantà_alla_barcariola_(1693).pdf/31&oldid=55802"