Pagina:El Goffredo del Tasso cantà alla barcariola (1693).pdf/30

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


74

Mà'l Capitanio, che no vuol'intrighi,
     Che'l vuol, che la so Marchia sia sigura
     Dalle Trapole sconte dei Nemighi,
     Alla Cavallaria'l ghe dà la cura;
     E l'haveva mandao anca qui amighi,
     Che le strade agiustar noma i procura;
     Che impisse i Fossi, e che le Mote tagia,
     Che averze i passi à tutta la Marmagia.

75

No gh'è nissun, che ghabbia tanto fiao
     De far sto bravo groppo star'in drio,
     O sia nemighi, ò sia Castel murao,
     O gran Monte, ò gran Bosco, ò qualche Rio;
     Cusì'l Pò delle volte, che ingrossao
     Da Piova, ò Neve el và tanto infierio,
     Ch'i Arzeri el monta, e'l va con tant'assalto,
     Che'l strassineria zò'l Ponte da Rialto.

76

El solo Rè de Tripoli podeva
     Far qualche Chivali à sta nostra Zente;
     Ch'oro, e soldai in le Città l'haveva,
     Ma l'hà buo filo, e no'l ghà fatto gnente:
     Anzi el gha mandà à dir, che lù voleva
     La so amicitia, e'l gha mandà un Presente.
     Goffredo volentiera fà la Pase,
     Mà co quei Patti, che ghe par, e piase.

77

Zò del Monte Seir, che xè dappresso
     A sta città da parte de Levante,
     Se cala dei Christiani d'ogni Sesso,
     Zoveni, e Vecchi, e Femene galante;
     I gha portà a donar de Rosto, e Lesso,
     Voi dir de quel, che fà quelle so Piante;
     I haveva gusto à parlarghe, e vardarli,
     E al fin xè andà diversi à compagnarli.

78

La Tribia de Goffredo no voleva
     Slontanarse dal Mar, e'l ghà cervello;
     Perche à quelle Riviere za'l saveva,
     Che bordizava sempre ogni Vascello;
     E in caso de bisogno se podeva
     Da quelli chior da parar in Castello;
     Che questi pol'andar per le vivande
     A far la Mesa da tutte le bande.

79

Trinchetti, e Chebe à Boschi, e Papafighi,
     Vele à nioli ghè in quelle Acque vicine;
     Tanto, che in Mar à bon conto i Nemighi
     I puol andar co i vuol a far fassine;
     Gh'è i Legni Genovesi à i nostri amighi,
     E del gran Marco certe Bromboline,
     Che fà terir; e ghe ne xè abondanza
     D'Inghilterra, Sicilia, Olanda, e Franza.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:El_Goffredo_del_Tasso_cantà_alla_barcariola_(1693).pdf/30&oldid=55800"