Pagina:El Goffredo del Tasso cantà alla barcariola (1693).pdf/29

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


68

Compare benedio, vogio un Servizio,
     Che andè co un Bregantin in terra Grega;
     Ch'uno, che sà assae ben far el so offizio,
     Me avisa, che se cala là à Bottega
     Un Zovene de Spirito, e giudizio,
     Ch'in Guerra'l se vuol far nostro Collega,
     L'è Prencipe de i Dani, e in quantitae
     De quelle l'hà con lù Mumie giazzae.

69

Mà perche quel Gregugna malegnazo
     In tutto quel, che'l puol, sempre'l n'intriga
     El ghe vorrà tettar tanto de mazo
     Fin che'l sbuserà forsi la Vessiga;
     Però a mio nome ghe dirè, che'l viazo,
     Che zà l'hà scomenzà, che'l lo destriga;
     E che'l se varda ben da qualche inganno,
     E che'l tardar xè so vergogna, e danno.

70

Vù, che tornè no vogio per adesso,
     Mà che ve trattegnì presso quel Gatto;
     Acciò'l ne manda l'agiuto promesso,
     E che ne vien de giuro per el patto;
     Doppo, che sta facenda el ghà comesso
     De credenza le lettere'l ghà fatto;
     Quel subito và via da bon Amigo;
     E Goffredo no pensa pì à st'intrigo.

71

La Mattina seguente giusto in l'hora,
     Che l'Alba sù de letto xè levada,
     De Trombe s'hà sentio vose sonora,
     E de Tamburi in segno de marchiada;
     No credo, che co i porta dà defuora
     L'Acqua de Brenta alla Città arsirada,
     Sia tanto caro el Ton segno de Piova,
     Quanto à costori è stà sta bona niova.

72

Subito tutti, che i crepa da vogia,
     Le Tattare i se mette in t'un momento;
     E co le so Arme lustre co è una Zogia
     Sotto el so Capo i và co gran contento;
     Le Truppe destinae contro quel Bogia
     Le so Bandiere le desliga al Vento,
     E in quella delle grande la più granda
     Sventola la gran Crose veneranda.

73

I Cavalli in sto tanto inviai strassina
     Sempre più in alto quel gran Cesendello,
     Che l'arme lustre el lustra più, el refina,
     E'co sti lustri l'occhio và a bordello,
     Par, che l'Agiere scota, e che'l cusina,
     Par giusto, che ghe sia qualche Fornello;
     Questo el par, ma gh'è in fatti un Tananai
     D'Homeni, de Tamburi, e de Cavai.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:El_Goffredo_del_Tasso_cantà_alla_barcariola_(1693).pdf/29&oldid=55799"