Pagina:El Goffredo del Tasso cantà alla barcariola (1693).pdf/25

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


44

Questi è do mille in tutti, e commandai
     I è da un'altro Roberto in compagnia;
     Da quelli d'Inghilterra i è seguitai,
     Che Gielmo Fio del Rè comanda, e invia;
     Questi à tirar de frezza i è tanto usai,
     Che un Pomo dalla Testa i porta via;
     E con questi ghe xè certe Marmote
     Delle Terre d'Irlanda assae remote.

45

Drian de questi l'è Tancredi, quello
     Che de lù no ghe xè nissun più saldo,
     Nè corraggioso più, gnanca più bello,
     Se no'l fusse a fortuna el gran Rinaldo;
     L'hà scantinà un tantin, quando'l Putello
     Amor ghà cazzà in corpo un può de caldo,
     Amor, che in t'un momento el xè nassuo,
     E'l lo travagia ancora el dì d'ancuo.

46

Cusì se dise, che quella Zornada,
     Che le Pache à i Persiani i nostri hà dao,
     Doppo che da Tancredi seguitada
     Xè stà quella Genia un pezzo in cao,
     A cercando l'andava zò de strada
     Dove 'l podesse destraccarse un fiao;
     Quando in t'una Campagna bella, e piana
     L'è andà à sentarse appresso à una Fontana.

47

Armada via, che'l muso una Puttazza
     Mentre, che'l stava quà gh'è sorazonta
     Questa giera Pagana, e quà gramazza
     Per refrescarse anch'ella giera zonta,
     Lù subito gha dao un'occhiadazza,
     Che ghà cazzà in te'l cuor d'Amor la Ponta
     O maravegia de sto Amor Furfante!
     A pena l'è nassuo, che l'è un Zigante.

48

La s'hà tirà zò l'Elmo, e si no giera,
     Ch'altri arrivava quà'l fava qualcossa,
     Subito s'hà partio la Donna altiera,
     Che la necessità de là l'hà mossa;
     Mà la fattezza soa galante, e vera
     Del so cuor el l'hà messa in te la fossa,
     El s'arrecorda sempre el caso, e'l liogo
     Che ghe fà crescer de continuo el fuogo.

49

E si ghe fusse qualche Birba fina
     El se n'accorzeria de sta so dogia,
     Perche sempre el sospira, e co'l camina,
     Co i occhi bassi el và, e de mala vogia.
     Ottocento el ghe n'hà, che gran ruina
     Col so valor i ghe dà al Turco Bogia;
     E questi xè vegnui dalla Campagna,
     Che de fertilità xè una Cucagna.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:El_Goffredo_del_Tasso_cantà_alla_barcariola_(1693).pdf/25&oldid=55745"