Pagina:El Goffredo del Tasso cantà alla barcariola (1693).pdf/21

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


32

Cusì gha ditto el Vecchio; Ma chi è stao,
     Che ghà fatto parlar in sta maniera?
     Noma el gran Dio, che ghà cusì ispirao,
     Che hà ponto el cuor à quella Zente fiera?
     Subito tutti s'hà desmentegao
     El so furor, e la Natura altiera;
     Sì che Gugielmo, e Guelfo ogn'un bravazzo,
     Goffredo i hà chiamà Rè co gran schiamazzo.

33

Seguita i altri, e tutti xè dacordo,
     Che lù sia quello, che à tutti commanda,
     O che 'l castiga, ò pur, che'l fazza'l sordo,
     Che'l muova guerra à questa, ò quella banda,
     Lù sia el paron, ò sia cattivo, ò ingordo,
     E tutti debba andar, dove el li manda;
     Tutto è conchiuso, e con velocitae
     Per le Ville el se sà, e per le Cittae.

34

Goffredo se fà veder da i Soldai,
     Che i lo giudica degno de Corona;
     A criar, Viva Goffredo, i xè accordai
     E che questa xè stà un'elezion bona;
     Doppo, che i Complimenti xè passai,
     E che l'hà sodisfao ogni persona,
     El vuol, che per doman drento la Ragia
     Vegna davanti à lù tutta la Fragia.

35

Spontava Febo la mattina drio,
     D'ogn'altro dì più splendido, e lampante,
     Quando s'hà visto ogni soldao guarnio
     Sotto l'insegna del so Commandante;
     E ogn'un voleva parer un bel Fio
     Colle Tattare lustre co è un diamante;
     Osservava Goffredo à star in mezo
     De i Cavalli, e Pedoni el Passo, e mezo.

36

Memoria tì, che delle cose antighe
     El registro ti ghà vero, e purgao,
     Agiuteme à spuar ste quattro righe,
     Che menzona ogni Capo, ogni soldao;
     Sì che de tutti i nomi, e le fadighe
     Diga senza timor d'haver fallao;
     E fà, che tutto quel, che adesso scrivo
     In seculoro secula el sia vivo.

37

I Francesi xè primi, e commandai
     Da Ugon del Rè fradel in prima i giera,
     Questi è da Franza, che per ogni lai
     Un Fiume ghe scorsiza la Riviera;
     Doppo, ch'è morto Ugon, i Zij dorai
     Gha seguità a portar sta truppa fiera;
     E à quel, ch'è andà à far Terra da Bocai
     Clotareo gh'è successo un de i stimai.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:El_Goffredo_del_Tasso_cantà_alla_barcariola_(1693).pdf/21&oldid=55779"