Pagina:El Goffredo del Tasso cantà alla barcariola (1693).pdf/20

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


26

Antiochia havemo preso, no ve'l nego,
     Persiani, e Turchi, tutta roba bona;
     Ma ste vittorie, diseme ve prego,
     Chi ne l'hà dae, noma chi tutto dona?
     Sò, che savè, che l'è cusì; e me spiego;
     Dio vuol, ch'in Sion disemo la corona
     E si là non andemo, e i so prescritti
     No osservemo, ala fè, che semo fritti.

27

Ah zente, che dà Dio sè tanto amae,
     No fè, che Chiribin nissun ve tenta,
     E per dar ste quattr'ultime vogae,
     No fè, che nissun'ombra ve spaventa;
     Le strade zà de Turchi xè sbrattae,
     E la bona stagion se ne presenta;
     Cossa spettemio donca, che no andemo
     A destrigarse, e metter zoso el Remo?

28

Siori ascolteme, e quel che mì ve digo
     El mondo tutto el saverà siguro;
     E dell'obligo mio mi me destrigo
     Con dirve, che zà'l tempo xè mauro
     D'andar affatto a desfar el Nemigo,
     E si no andemo presto, mi ve zuro,
     Che vignirà d'Egitto tanta Zente,
     Che ne radoppierà fadighe, e stente.

29

Cusì Goffredo hà el so parlar fenio,
     Che dà i segni el ghà piasso a tutti assae;
     E l'eremita Piero gh'è andà drio
     Co do parole, mà fondamentae:
     Deme licenza, Siori, che anca el mio
     Parer ve sia mostrao con brevitae;
     Quel, che hà ditto Goffredo n'hà piasesto
     A vù, e anca à mi, mà mi ghe zonzo questo.

30

Co m'arrecordo tanti gran intrighi,
     Che sempre xè nassuo fra vù altri Siori,
     Despetti, e confusion, fin che Nemighi
     Sè squasi deventai co gran rigori;
     Digo, che certo da principij antighi
     Xè nassuo sti fracassi, e sti criori;
     I xè noma nassui da quel commando,
     Che per esser in molti, el xè de bando.

31

Dove un no ghà tutta l'auttoritae
     De castigar, e premiar a so modo,
     E che noma dà quel sia despensae
     Le cariche, quel Regno mi nol lodo;
     Via, donca, deghe à un sol la podestae,
     Unì sto Corpo, e feghe un Capo sodo;
     Deghe à un solo 'l baston, e Rè chiamelo,
     E come Rè dacordo saludelo.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:El_Goffredo_del_Tasso_cantà_alla_barcariola_(1693).pdf/20&oldid=55778"