Pagina:El Goffredo del Tasso cantà alla barcariola (1693).pdf/19

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


20

Tutti i Capi è vegnui, tutti i Soldai,
     Noma Boemondo no s'hà visto gnente;
     De Tortosa i contorni xè folai
     E de drento, e de fuora dalla Zente;
     S'hà unito un zorno i Capi più stimai
     Per valor, per comando, e anca per mente,
     Quando Goffredo con dolcezza fiera
     El scomenzò a parlar in sta maniera.

21

Valorosi Soldai, che Dio v'hà eletti
     Per desfar ste Canagie renegae,
     Che'l v'hà fin desso tirà fuora netti,
     E da Guerra, e da insidie mal tramae;
     Tanto, che benche pieni de defetti
     Del ben'havemo fatto in quantitae;
     E à tanti turchi havemo tagià l'ose
     Per spiegar i Stendardi co la Crose.

22

No credo zà, che habbiemo abbandonao
     La nostra Patria, e i nostri Fioli cari,
     Nè, ch'in sta Guerra s'habbiemo impegnao,
     E che habbiemo passao quei nostri Mari,
     Per haver finalmente po acquistao
     Un può de fama, e un può de lioghi avari;
     Che questo è puoco, e si volè, che'l diga,
     No l'è debito premio à stà fadiga.

23

Mà'l nostro fin xè stà, se no m'inganno,
     De soggiogar Gierusalem vicina;
     E trar fuora i Cristiani d'un gran danno,
     Che ghe dà sempre stà Zente Sassina;
     E fondar un'Imperio senza inganno,
     Che sia dell'Ingiustizia la ruina:
     E che ghe sia permesso à ogni Creatura
     De far le so Oration senza paura.

24

Si che fin desso assae s'hà risegao
     Con honor puoco, e co fadiga tanta;
     E'l nostro fin, che n'hà tutti impegnao,
     Se andemo in altri lioghi el se desfanta;
     Perche cossa ne importa haver menao
     In Asia de i soldai mille, e millanta;
     Se in pè de stabilir un niovo regno
     De far noma fracassi i ghà desegno?

25

Fondar'un Stato l'è minchionaria
     (Quando nol fasse Dio per so bontae)
     In mezo de' Nemighi, e in compagnia
     De puochi Patrioti, e Turchi assae:
     No occorre certo alla Grega Genia
     Crederghe un pelo, e manco alle contrae
     Lontane de Ponente; onde mi digo,
     Che'l fatto fina quà no'l val'un figo.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:El_Goffredo_del_Tasso_cantà_alla_barcariola_(1693).pdf/19&oldid=55777"