Pagina:El Goffredo del Tasso cantà alla barcariola (1693).pdf/18

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


14

El ghà do Ale, ogn'una bianca, e bella,
     Presta, lisiera, e parte anca indorada;
     Per Poppe el lassa ogni Cielo, ogni Stella,
     E ogni Niola da drio ghe xè restada;
     E'l vien senza Cavallo, e senza sella
     Appresso à nù altri in manco d'un'occhiada;
     E doppo, che l'hà fatto sto bel salto
     Sora el Libano monte el vuol far alto.

15

Tutto in t'un tempo zò co la Brentana
     Verso Tortosa l'Anzolo se butta;
     Za scomenzava el Sol da sta mondana
     Machina a descazzar la notte brutta;
     Goffredo in st'ora la so quotidiana
     Oration el l'haveva fenia tutta,
     Quando gh'è apparso sto Celeste messo
     Più splendente, e più bel del Sol'istesso.

16

L'hà sentio, che'l ghà ditto: Sier Goffredo,
     Saveu, che xè fenio l'Inverno, e i giazzi?
     Voleu, che ve la diga? Mi zà vedo,
     Che in pè de guerra ogn'un tende a solazzi;
     Chiamei donca à Consegio, e mi prevedo
     Che vù'l Capo sarè de quei bravazzi;
     Ma nò; mi no'l prevedo; Dio v'hà dà
     Sta gratia, e quelli ve confermerà.

17

Mi son Imbassador, mi per so nome
     El so voler ve fazzo manifesto,
     Che andè a Gerusalem; ò adesso come
     Doveressi e sperar, e far'el resto!
     Questo xè stà el so dir; e dopo come
     Una Saetta el sguola, e anca pì presto
     A far i fatti soi; Goffredo in Atto
     El resta de confuso, e stupefatto.

18

Doppo, che'l primo moto ghà dà liogo,
     E che'l pensa un tantin cossa xè stao;
     Adesso sì, che l'arde co fà un fuogo
     Per vogia d'esser Capo nominao;
     No'l vede l'ora de fenir sto ziogo,
     El ghà tanto de cuor'apparecchiao;
     E questo è'l ponto; Tutti i so pensieri
     I ghà per solo fin de Dio i voleri.

19

Subito senza far tramezaura
     Se vede andar de quà, e de là Staffette;
     El fà ogni sforzo e gnente no'l trascura,
     El li prega, el ghe avisa, el ghe promette;
     E co la sua Rettorica maura
     Quanto se ghe pol dir, tutto el ghe mette,
     A segno tal, che co' diversi tratti
     Al so voler'al fin tutti el li hà tratti.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:El_Goffredo_del_Tasso_cantà_alla_barcariola_(1693).pdf/18&oldid=55776"