Pagina:El Goffredo del Tasso cantà alla barcariola (1693).pdf/16

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


2

O Musa vù, che de sta nostra herbazza
     No ve degnè de circondar la Testa,
     Ma suso in Ciel frà la celeste razza
     De le Stelle ghavè Corona, e Vesta;
     Deme da bever almanco una Tazza
     De quel liquor, che fà saltar la Cresta;
     Se missio intrighi al vero, e se ste rime
     Per vù no sarà fatte, compatime.

3

Savè, che adesso del Poeta l'Arte
     Dalla Zente inzegnosa xè stimada;
     E che la Verità sotto ste Carte
     Anca da chì no vuol la xè abbrazzada;
     Cusì a i Putelli co i gha mal, à parte
     Darghe de i Confettini è forma usada;
     Mà in tanto el Fantolin beve la mana,
     E perche l'e ingannao el se resana.

4

O gran Alfonso vù, che mi grammazzo,
     Perseguitao dalla cattiva Sorte,
     Me cavè fuora de tanto imbarazzo,
     E posso dir de bocca della Morte;
     Ve prego no me fè brutto mustazzo
     Co sto libro accettè; mà feme forte;
     Che forsi un Zorno canterò za fatto
     Quel, che adesso de vù scrivo in astratto.

5

E sò de fallar, (se pur un zorno
     Vignerà mai, che sia i Cristiani in Pase;
     E che i vaga una volta tanto intorno
     Fin, che i torna à far soe le Sante Case;)
     Che non seguro de vederve attorno
     La Terra quel Concier, che à molti piase.
     Vù sarè el General; Vù al Tippe Toppe
     Parechieve, che mì me fazzo in Poppe;

6

Sie volte al Lion el Sol giera arrivao,
     Che i nostri giera in la Turchesca Terra,
     Nicea, e Antiochia i ghaveva chiappao,
     Questa con furbaria, quella con Guerra,
     Doppo à i Persiani le pache i gha dao,
     Che i ghe voleva chior l'ultima Terra,
     E doppo, che Tortosa soa è restada,
     In quella i fava fuora l'Invernada.

7

La Primavera à portarghe spavento
     Zà scomenzava à i Turchi spasemai;
     Quando Domene Dio dal Tron d'Arzento,
     E d'Oro, e de Diamanti i più stimai;
     Che tanto xè più in sù del Fermamento,
     Quanto xè quel lontan da i Condannai,
     El volta l'occhio in zoso, e in t'un'occhiada
     L'hà visto tutta sta mondial contrada.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:El_Goffredo_del_Tasso_cantà_alla_barcariola_(1693).pdf/16&oldid=55710"