Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 8.djvu/59

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     Butà là, d'umor laconico,
     Anca lu xe filarmonico,
     Bravo in balo, in soma un puto
     80Da scaldar de fondo un cuor.
P. E de l'albero? B. Oh minchioni.
     Qua po sì che gh'è paneto.
     P. Dì pur suso, Bortoleto!
     B. Basta dir che i so vechioni
     85Ga con Mario parentò.
P. Quel de Roma? B. Proprio lu;
     E la cossa xe provada,
     Che ne l'arma de casada
     Sete scachi ghe xe su;
     90P. Oh ne digo più de no.
B. Sete scachi, per memoria
     (Vienli gnanca da gran zente!)
     Che quel celebre parente
     Sete volte (e la xe storia)..
     95L'è sta Console a i so dì.
E gh'e un fendo memorando....
     P. Basta, basta, che ò capio.
     Mario.... scachi.... và con Dio,
     Sarà fato. B. Ma per quando?
     100P. Vien doman. B. Oh che bel !

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_8.djvu/59&oldid=62256"