Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 7.djvu/77

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


PER


LA CELEBRE CANTATRICE TODI


Se a perder mai ti fussi un dì costreto
     (Un amigo mio caro me domanda)
     O la vista o l'udito, da che banda
     4Scielgeressitu el mal, caro Beneto?

Senza pensarghe su gnanca un pocheto:
     La vista, digo, xe una cossa granda,
     Perchè l'è quela che ogni tanto manda
     8Nove delizie al cuor, novo dileto.

Merita pur l'udito esser stimà,
     Ch'anca per quelo el cuor dei gusti sente;
     11Ma l'ochio xe da tuti più aprezzà.

Go risposto cussì bonariamente;
     Ma adesso che la Todi m'à cantà
     14Stimo l'udito più infinitamente.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_7.djvu/77&oldid=59809"