Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 7.djvu/52

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     Ch'ò za capio l'umor de la mia bestia.
     Basta darghe rason prima che 'l parli
     455Per aver po rason co l'à parlà;
     E in grazia de sto metodo che za
     No xe che l'A-be-ce
     Del berlik-berlok passa e camina,
     Spero guarir in breve
     460El Giapon de la freve,
     Manipolando a modo mio la China.
          Questa xe la mia istoria...”

Veramente
     Bizzarra e sorprendente, e non ho lingua,
     465Eccellenza, che basti a ringraziarla
     Di tanta degnazione... Ma perdoni,
     Non la trivial destrezza
     D'un barattier di piazza,
     Come per celia le piace asserire,
     470Ma bene il suo saper, la sua prudenza
     E certo i diplomatici talenti
     Di Vo-Eccellenza ad Ura-Kan già noti...


„No la fazza sto torto ai bossoloti,
     Padre, che sto bel zogo
     475Prencipi, leterati,
     E guerieri, e togati
     E da la Pampadur fin a la coga,
     Dal Savio al so stafier, chi 'l sa lo zoga.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_7.djvu/52&oldid=70012"