Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 7.djvu/27

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     520Che me ordenava, de andar là sul fato
     A principiar le mie trenta lezion;
     Butando fogo mato,
     Per la smania boriosa
     De mandar tuta l'Asia a gambe in aria
     525Per el sbalordimento,
     Al son de quel portento,
     Co quela bisinela de talento!
La pensa se son corso a precipizio
     A butarmeghe avanti in zenochion
     530Per farme dispensar da tanto onor.
     Scuse? preghiere? al vento! à bisognà
     Parlar schieto e tocarghe
     L'impossibilità... L'è andà in furor
     Sentindo che se osava
     535Meter in contingenza
     La so inteletual onipotenza!
     E se no me rassegno,
     Lu co un altro decreto a scotadeo
     Me fa sbalzar la testa sul tapeo.
540No podendo scampar, per diferir
     De trenta zorni ancora
     La mia decolazion, m'è convegnù
     Far de necessità magra virtù.
Per confortarme, ò dito tra de mi,
     545Ghe vol pazienza! provarò. A bon conto
     El dialeto più breve e più sonoro,
     Che se parla in Italia, sarà certo,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_7.djvu/27&oldid=69989"