Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 7.djvu/12

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     I nostri prosatori, ed i poeti
     130Che fan testo di lingua, ella poi parli
     In vece del purgato e buon toscano
     Il dialetto triviale veneziano!
     E quel che intendo meno, coll'accento
     Proprio de' Pantaloni di Venezia,
     135Dov'ella, certo, mai non fu! L'enigma
     È tale in verità...


„Ghe lo spiegherò mi, Padre, son qua;
     Ma, prima, quanto credela che possa
     Mancarghe al fin de sta tragedia?”

140Oh un'ora almeno, veda!
     Le cerimonie sono tali e tante...

„Va ben: donca gavèmo
     Tempo da chiachieràr quanto volèmo.
     La me fazza una grazia, caro Padre,
     145Ela è nato a Fiorenza, se no falo?”

Sì certo.

„No xe donca sorprendente,
     Che 'l quinci e quindi no ghe costi gnente;
     Ma mi son Venezian, e la perdoni...”

150Credo, eccellenza, che la mi canzoni:
     Lei Veneziano? Un Plenipotenziario
     Del Giapone alla China? Oh! questa poi

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_7.djvu/12&oldid=67181"