Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 5.djvu/83

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     Che le gabia cussì presto
     Impenio le so buele.
     Ma pacienza.... za sta roba
     No andarà butada via,
     Che ghe xe po finalmente
     560El rimedio in boca mia.
     E vu altri, Servitori,
     Fin che magno i Becafighi
     Portè un piato anca per Lori;...
Ma vedo che nessun
     Ga vogia de magnar.
     Se i porta un altro piato
     Melo magno mi solo,
     E i altri sta a vardar;
     Onde no voi sta cossa;
     570Voi che magnemo tuti,
     Donca portème i fruti.
Ah benedeti!
     No gh'è fruti più perfeti,
     Più stupendi, più squisiti,
     Più gustosi e saporiti.
Sento a dir de l'Ananà
     Che el xe un fruto arcistupendo
     (De sto fruto no m'intendo
     Nè ghe n'ò gnanca magnà),
     580Ma, i me dise, che consiste
     Sta stupenda rarità,
     Perchè in lu sto fruto unisse

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_5.djvu/83&oldid=62178"